Guerra tra Fortitudo e Lega per la Supercoppa: Pavani contro Basciano


Scoppia la ribellione delle squadre partecipanti alla Supercoppa di A2. La Fortitudo guida il gruppo contro il presidente di Lega Basciano

– di Alberto Bortolotti – 

Bologna - 28/08/2015 - Cristiam Pavani general manager della Fortitudo (Ph. Roberto Serra / Iguana Press / Fortitudo Eternedile Bologna)

Bologna – 28/08/2015 – Cristiam Pavani general manager della Fortitudo (Ph. Fortitudo)

Si alzano venti non di guerra ma certamente di poca pace tra la Fortitudo e la Lega Nazionale Pallacanestro, presieduta da Pietro Basciano.
Il tema del dibattito è la Supercoppa in programma all’Unipol Arena il prossimo fine settimana e i motivi del contendere sono essenzialmente tre:

– Un regolamento che assimila l’evento al campionato e quindi un eventuale infortunio di un giocatore straniero imporrebbe o il giocare senza o il consumare un visto;
– Nessuna agevolazione per le tifoserie organizzate, un discreto autogol visto e considerato che anche Treviso, oltre alla F, può muovere folle imponenti;
– Assenza di biglietti ridotti che penalizzano le famiglie con giovani tifosi o aspiranti tali.

Il paventato ritiro in massa delle squadre dissidenti (anche Mantova e Scafati contestano alcuni di questi punti) non è forse regolamentarmente possibile, nè auspicabile, però la tensione è alta. L’incontro della Fossa dei Leoni con Pietro Basciano non ha sbloccato nulla e al momento si è fermi a uno scambio epistolare (tra Fortitudo e Lega) dai toni poco promettenti.

Sullo sfondo anche l’assenza della tv dall’evento (possibile una trasmissione solo di emittenti regioonali quali Nettuno e TRC, la prima partner biancoblù e la seconda, esclusivista bianconera, che aspira a diventarlo) e dal campionato. Un rasserenamento generale sarebbe auspicabile anche perchè l’A2 ha tutte le premesse per essere, quest’anno, un vero campionato nazionale e spettacolare fino a fine giugno. Di polemiche il basket ne ha già messe insieme abbastanza.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *