Hart e la paura firmano lo 0-0, si decide tutto al Bernabeu


Dopo un primo tempo senza sussulti tra City e Real Madrid, nella ripresa i blancos creano qualcosa ma devono fare i conti coi riflessi di Hart

– di Luigi Polce –

No Cristiano, no party. Senza il protagonista più atteso termina a reti inviolate la sfida tra Manchester City e Real Madrid, una partita bloccata dalla tensione che produce pochissime occasioni da rete. Casemiro e Pepe nel finale provano il colpo grosso, ma Hart è bravo e attento a chiudere in faccia la porta ai madrileni e tenere il discorso in bilico fino alla gara di ritorno.

Bale fermato con le cattive da Kompany (ph. zimbio)

Bale fermato con le cattive da Kompany (ph. zimbio)

Per la partita più importante dell’anno Pellegrini può disporre dell’undici tipo, con il trio Navas-De Bruyne-Silva alle spalle dell’unica punta Aguero. Nel Real Madrid di Zidane invece c’è la grossa defezione legata a Cristiano Ronaldo, che dopo i problemi evidenziati nella rifinitura non va nemmeno in panchina: al suo posto il canterano Lucas Vazquez, che completa il tridente assieme a Bale e Benzema. La partita è tattica e bloccata fin dai primi minuti, la posta in palio in fondo è altissima e nessuna delle due squadre vuole rischiare di commettere il primo errore. Il 4-5-1 in fase di non possesso dei Citizens funziona a meraviglia e blocca tutte le trame di gioco dei Blancos, con Bale unico fattore in grado di regalare sussulti in uno spartito altrimenti piuttosto scontato. Ma il gallese da solo non basta a produrre vere e proprie azioni pericolose. Nella seconda parte di tempo si fanno preferire invece i padroni di casa, che prendono metri e coraggio e provano a portare qualche insidia dalle parti di Navas. Alla fine dei primi 45′ però è fermo a zero il conteggio dei tiri nello specchio, da una parte e dall’altra. Qualche minuto prima, il City perde Silva per infortunio: al posto dello spagnolo Pellegrini inserisce Iheanacho, reduce dalla doppietta allo Stoke nell’ultima giornata di Premier.

L'occasione più ghiotta della partita: Pepe gira centrando in pieno Hart (ph. zimbio)

L’occasione più ghiotta della partita: Pepe gira centrando in pieno Hart (ph. zimbio)

Ad inizio ripresa cambia anche Zidane, che toglie uno spento Benzema per far posto a Jesè. Il primo squillo però, dopo nemmeno un minuto di gioco, è di marca City: Aguero ha spazio e prova il mancino dalla distanza, conclusione alta sulla traversa. L’azione dell’argentino è il prologo ad una ripresa un po’ più ritmata e con qualche occasione da gol, come quella capitata sulla testa di Sergio Ramos che impatta bene ma non angola (54′). L’ideale curva di pericolosità disegnata dalla partita tocca il suo apice al minuto 71, quando un cross apparentemente innocuo di Carvajal dalla destra diventa un assist letale proprio per Jesè, il quale gira centrando in pieno la traversa. A questo punto gli ospiti credono nel colpo esterno e provano ad insistere, con Bale che con un bolide dal limite non trova la porta per questione di centimetri. In un match che tutto sommato resta bloccato, le occasioni più ghiotte non possono che arrivare dalle palle da fermo. E proprio da due calci d’angolo, tra l’80’ e l’82’, il Real sfiora il colpaccio: Casemiro e Pepe però devono fare i conti con i riflessi con Hart, che con due interventi di puro istinto tiene in piedi la baracca. L’ultimo assalto invece è del City: De Bruyne si procura e calcia una punizione da posizione defilata, alzata in corner dall’attento Navas. All’Etihad Stadium è 0-0, tutto rimandato al Bernabeu per sapere chi volerà a Milano per la finalissima. Con un Ronaldo in più e il fattore campo a sfavore, il compito per i ragazzi di Pellegrini sarà certamente più arduo.

Manchester City (4-2-3-1): Hart; Sagna, Kompany, Otamendi, Clichy; Fernando, Fernandinho; J. Navas (77′ Sterling), De Bruyne, Silva (40′ Iheanacho); Aguero

Real Madrid (4-3-3): Navas; Carvajal, Pepe, Ramos, Marcelo; Modric, Casemiro, Kroos (89′ Isco); Bale, Benzema (46′ Jese), Lucas Vazquez

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *