I copresidenti del Latina: “Tutti a Frosinone, è importante”


I copresidenti del Latina, Cavicchi e Maietta, hanno invitato i propri tifosi restii a disertare la trasferta nel derby con il Frosinone, esortandoli a stare vicino alla squadra per farle sentire il loro sostegno in vista della volata salvezza

– di Massimo Righi –

I presidenti del Latina, Maietta e Cavicchi (ph latinaquotidiano.it)

I presidenti del Latina, Maietta e Cavicchi (ph latinaquotidiano.it)

Martedì prossimo alle 18 si recupererà il derby laziale Frosinone-Latina, che era stato rinviato lo scorso 29 marzo per ragioni di ordine pubblico. Ma le polemiche scatenatesi subito dopo il provvedimento non sono ancora terminate. Tramite un comunicato i copresidenti del Latina, Paola Cavicchi e Pasquale Maietta hanno fatto sapere di non condividere affatto la scelta di una parte della tifoseria nerazzurra di disertare la trasferta, rilanciando ed esortando anzi i sostenitori pontini ad accompagnare i loro beniamini nel derby. Ecco quanto dichiarato da Cavicchi e Maietta, riportato dal sito ufficiale del Latina Calcio:

“Come società non condividiamo la scelta di una parte della nostra tifoseria, che intende non supportare la squadra nella trasferta di Frosinone. Questo è un momento delicato, il più importante della stagione, quello in cui si possono decidere le sorti del nostro futuro. La strada verso la salvezza è difficile, complicata: il Latina non va abbandonato proprio adesso, abbiamo bisogno del sostegno di tutti voi che siete la nostra gente. La sfida di Frosinone rappresenta una tappa cruciale per il nostro campionato, per giunta si tratta di un derby molto sentito. E allora via i rancori, via le proteste, martedì 14 aprile l’unica cosa che conta è fare risultato per aggiungere punti alla nostra classifica. Chi non seguirà la squadra al Matusa non farà un dispetto alla Lega, non lo farà neanche al Frosinone, nemmeno ai tifosi gialloblu, o alle istituzioni in generale: a risentirne sarà soltanto il Latina. I nostri ragazzi hanno bisogno del dodicesimo uomo in campo. I nostri ragazzi vogliono sentire il vostro calore, il vostro fondamentale sostegno. Se amate il Latina come lo amiamo noi dovete venire al Matusa e riempire la curva ospiti. La decisione di far slittare il derby ha danneggiato tutti noi, società, squadra e tifoseria: e adesso tutti noi, insieme, dobbiamo rispondere sul campo e sugli spalti dimostrando di essere superiori a tutto e tutti. La salvezza è il nostro obiettivo, tutti insieme possiamo raggiungerlo. Vi vogliamo a Frosinone, al Matusa andiamo in 2000”.

Il Latina aveva richiesto, senza riscontro, il 3-0 sub judice a seguito del provvedimento preso dalla prefettura di Frosinone, di rinviare la sfida valida per la 33ma giornata di B per motivi di ordine pubblico. La decisione era stata presa dopo la manifesta rabbia dei tifosi di casa, in seguito alla conferma della chiusura dei settori ‘Distinti’ e ‘Tribuna centrale’ dello stadio Matusa decisa dalla Corte d’Appello federale. Nell’occasione, anche il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi, espresse il proprio dissenso riguardo alla decisione della prefettura sul suo profilo Twitter: “Rispetto e non condivido”.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *