I miti del calcio: Franz Beckenbauer


Dall’idea di Marco Dall’Olio, nasce una rubrica che settimanalmente vi propone un campione della storia del calcio mondiale. Oggi i riflettori sono puntati su Franz Beckenbauer, il Kaiser del calcio, che ha compiuto 70 anni lo scorso 11 settembre

– di Marco Vigarani –

Beckenbauer ha collezionato 427 presenze con la maglia del Bayern (ph UEFA)

Beckenbauer ha collezionato 427 presenze con la maglia del Bayern (ph UEFA)

Definire Franz Beckenbauer un difensore sarebbe estremamente riduttivo almeno quanto considerarlo un semplice calciatore visto che l’ex atleta ed allenatore è stato ed è ancora oggi un’icona dello sport e della società teutonica. Le parole ed i pensieri del Kaiser che pochi giorni fa ha festeggiato il suo 70esimo compleanno sono sempre fonte di dibattito non solo in Germania ma più in generale ai piani alti del movimento calcistico internazionale. Nato l’11 settembre 1945 a Monaco, egli iniziò sin da bambino a giocare a calcio seguendo le orme dello zio ed il mito di Fritz Walter, calciatore del Kaiserslautern. Il padre però voleva per lui una carriera da avvocato e così Beckenbauer fu costretto per diversi anni ad abbinare gli studi e l’apprendistato agli allenamenti attirando però sempre maggiori attenzioni da parte di tanti osservatori cittadini. Pur tifando per il Monaco 1860, egli iniziò la sua carriera da professionista con la maglia del Bayern a causa degli scontri avvenuti proprio con giocatori e dirigenti del club bavarese nel corso di una delle ultime partite con il Monaco 06.

Beckenbauer con la Coppa del Mondo 1974 (ph. Daily Mail)

Beckenbauer con la Coppa del Mondo 1974 (ph. Daily Mail)

Questo strano scherzo del destino creò una coppia inscindibile tra Beckenbauer ed il club che allora era il solo il secondo in ordine di importanza in città ma nel 1963 uno scandalo legato alla gravidanza della compagna del giovane atleta mise a repentaglio la sua carriera, salvata dalla netta presa di posizione del tecnico della Germania Under 21. Nell’anno successivo Beckenbauer fece il suo esordio in prima squadra nel Bayern e non uscì praticamente più dal campo trascinando i compagni alla promozione in Bundesliga ed attirando l’interesse dell’Inter dopo appena un paio d’anni da professionista. La chiusura della Serie A ai calciatori stranieri avvenuta nel 1966 però gli permise di restare nel club bavarese addirittura fino al 1977 conquistando Scudetti, Coppe di Lega, Coppe dei Campioni ma soprattutto due Palloni d’Oro nel 1972 e 1976. Leader in campo partendo dalla difesa ed inventore del ruolo del libero, Beckenbauer fu il grande promotore del calcio tedesco su scala internazionale anche grazie ai successi ottenuti con la Nazionale: un Mondiale ed un Europeo ma anche altri tre trionfi sfiorati fino alla finale.

 

 

 

Oggi Beckenbauer è presidente onorario del Bayern (ph. Zimbio)

Oggi Beckenbauer è presidente onorario del Bayern (ph. Zimbio)

Nel 1977 sentì il richiamo statunitense ed accettò il trasferimeno ai New York Cosmos con Pelè per togliersi qualche soddisfazione anche nel campionato locale con tre successi in altrettanti anni prima di un’ultima parentesi tedesca con l’Amburgo coronata ovviamente dalla conquista di uno storico titolo. Chiusa la carriera in campo ancora ai Cosmos nel 1983, Beckenbauer scelse poi di diventare allenatore ottenendo un secondo trionfo al Mondiale del 1990 guidando la sua Germania e, dopo una stagione al Marsiglia, prese anche le redini del Bayern Monaco ottenendo l’accoppiata Scudetto-Coppa UEFA nel 1996. Anche al termine della seconda fase della carriera, il Kaiser ha mantenuto un ruolo fondamentale nel calcio tedesco ed internazionale prima grazie all’incarico di vice presidente della FIFA e successivamente come presidente onorario del suo Bayern che ancora oggi si fida ciecamente delle sue valutazioni: una su tutte puntare su Pep Guardiola come tecnico.

SQUADRA PRESENZE GOL
Bayern Monaco 427 60
New York Cosmos 132 21
Amburgo 28 0
Totale club 587 81
Nazionale 103 14
PALMARES
CLUB NAZIONALE ALLENATORE
5 Bundesliga Oro Mondiale 1974 1 Bundesliga
4 Coppe di Germania Oro Europeo 1972 1 Coppa UEFA
3 Campionati NASL Argento Mondiale 1966 e 1974 Oro Mondiale 1990
3 Coppe dei Campioni Argento Europeo 1976
1 Coppa delle Coppe INDIVIDUALE
1 Coppa Intercontinentale Pallone d’Oro 1972 e 1976
Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *