I miti del calcio: Hugo Sanchez


Dall’idea di Marco Dall’Olio, nasce una rubrica che settimanalmente vi propone un campione della storia del calcio mondiale. Oggi il protagonista è Hugo Sanchez, il miglior calciatore messicano di tutti i tempi che ha festeggiato il compleanno l’11 luglio

– di Marco Vigarani –

Hugo Sanchez in rovesciata con la maglia del Messico (ph. Scoop.it)

Hugo Sanchez in rovesciata con la maglia del Messico (ph. Scoop.it)

Negli Anni 80 il calcio europeo non era ancora caduto preda della disperata esterofilia che negli ultimi decenni ha contagiato qualsiasi direttore sportivo e quindi per uno straniero la strada verso il Vecchio Continente era percorribile solo in un modo: sapendo giocare veramente bene a pallone. Hugo Sanchez si conquistò metro dopo metro la via verso il successo a suon di gol e di rovesciate, il suo marchio di fabbrica insieme ad una furbizia rara che lo rendeva imprendibile per i difensori ovvero i nemici di tutta una carriera contro i quali si scatenava spesso in provocazioni e scorrettezze per ovviare alle limitazioni di una struttura fisica certamente non imponente.

Nato l’11 luglio 1958 a Città del Messico, Hugo Sanchez Marquez iniziò la sua carriera con la maglia dei Pumas a diciotto anni dimostrando da subito una vena realizzativa fuori dal comune che gli valse l’immediata convocazione nella Nazionale Olimpica. Dopo 99 gol in cinque anni ed una parentesi comunque fruttuosa ai San Diego Sockers, arrivò per l’attaccante messicano la chiamata dell’Atletico Madrid dove non perse il vizio nonostante il livello decisamente più alto a livello tecnico-tattico. La sua miglior stagione di quella prima esperienza spagnola fu nel 1984/85 quando conquistò il titolo di capocannoniere della Liga ed aiutò il club a vincere la Coppa di Spagna ma durante l’estate successiva scelse di accettare la corte del Real Madrid. Considerato da tanti un traditore per aver scelto di cambiare casacca restando nella stessa città, Sanchez mise tutti a tacere con un’ulteriore crescita sul piano realizzativo che gli consentì di vincere nuovamente il titolo di Pichichi per altri quattro anni con il record di 38 marcature stagionali nel 1989/90.

 

Sanchez segnò 164 gol con il Real Madrid (ph. CalcioWeb.eu)

Sanchez segnò 164 gol con il Real Madrid (ph. CalcioWeb.eu)

Se con il Real arrivarono ben cinque titoli nazionali consecutivi, un’altra Coppa di Spagna ed una Coppa UEFA, la maglia del Messico non donò a Hugol altrettante soddisfazioni nonostante una presenza costante e prolifica per ben diciassette anni costellati da 29 gol in 58 presenze complessive. Nel 1992, ormai 33enne e reduce da un grave infortunio che lo aveva tenuto fermo per diversi mesi, Sanchez scelse di salutare Madrid per tornare in patria e disputare una stagione con la maglia dell’America salvo poi non resistere alla chiamata del Rayo Vallecano, terza formazione della capitale iberica, con la quale visse un’altra annata da protagonista in Europa. A quel punto si aprì la fase finale della sua esperienza da calciatore con i contratti per i messicani dell’Atlante, gli austriaci del Linz, gli statunitensi di Dallas ed infine ancora un ultimo spezzone nella terra natia difendendo i colori dell’Atletico Celaya con gli ex compagni di squadra madridisti Michel e Butragueno.

Ritiratosi nel 1998, già due anni dopo venne chiamato dai Pumas per iniziare la sua nuova carriera da allenatore che nel 2006 lo portò anche alla guida del Messico conquistando in due anni un secondo posto in Gold Cup ed un terzo in Copa America. Successivamente ebbe meno successo a capo della selezione Under 23 che nel 2008 non riuscì a qualificarsi per le Olimpiadi di Pechino. Nonostante questo fallimento, Sanchez ha quindi avuto anche il suo primo incarico su una panchina europea grazie alla fiducia dell’Almeria fino al dicembre 2009, penultimo lavoro prima della parentesi nel 2012 con i messicani del Pachuca.

SQUADRA PRESENZE GOL
Pumas 183 99
San Diego Sockers 19 13
Atletico Madrid 111 54
Real Madrid 207 164
America 29 11
Rayo Vallecano 29 16
Atlante 32 13
LASK Linz 20 6
Dallas 23 6
Atletico Celaya 12 2
Totale club 665 384
Nazionale 58 29

 

PALMARES
CLUB INDIVIDUALE
2 Campionati messicani Pichichi della Liga 1985, 1986, 1987, 1988, 1990
2 Coppe di Spagna Scarpa d’Oro 1990
5 Campionati spagnoli
3 Supercoppe di Spagna ALLENATORE
1 Coppa UEFA 2 Campionati messicani
1 Coppa Interamericana Argento Gold Cup 2007
2 CONCACAF Champions Cup Bronzo Copa America 2007
Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *