IFL, Ferrara da urlo nella corsa salvezza. Bologna ancora ko


Nell’11^ giornata del campionato di I° Divisione Fidaf IFL arriva il primo strike di vittorie delle squadre di casa

Dolphin contro Warriors nella foto di Giulio Busi

Dolphins contro Warriors nella foto di Giulio Busi

Tutte le cinque partite in programma, tra sabato 24 e domenica 25 maggio, vedono altrettante vittorie dei team ospitanti. Quattro dei cinque team vittoriosi sono le prime quattro squadre della classifica:  Seamen, Panthers, Giants e Dolphins

Unica mosca bianca sono le Aquile, le quali trovano una vittoria che può valere una stagione.
Al Vigorelli i Seamen Milano battono 46 a 19 i Giaguari Torino, nonostante l’assenza di due giocatori di qualità come Santagostino e Palini. La difesa piemontese tiene bene nel primo quarto, dove subisce solo un touchdown. Nel secondo quarto i Giaguari impattano temporaneamente sul 7 a 6, ma la corazzata di marinai di coach Mutti è troppo per Torino e nel proseguo di partita subisce altre 6 mete. A segno per i Seamen Binda (2), Di Tunisi (2), Gozzani, Bonaparte e Sorteni. I Giaguari troppo Mittash dipendenti, è lui a siglare i tre touchdown di squadra, con questa sconfitta vedono allontanarsi i playoff. Per i Seamen poco meno di un mese per preparare la semifinale del 21 giugno.

Allo stadio Dorico i padroni di casa Dolphins Ancona conquistano una vittoria fondamentale contro i Warriors Bologna. Partita costellata di errori e clamorosi tournover, da una parte e dall’altra, tra fumble e intercetti. Parte forte Ancona, che si porta sul 13 a 0 nel primo quarto grazie alle ricezioni in touchdown di Soltana e Marchini. Nel secondo quarto due fumble marchigiani consegnano palla ai bolognesi che capitalizzano prima con una ricezione di Piva e poi con un touchdown su corsa di Berzan. Il primo tempo si chiude sul 13 a 14 per Bologna. Alla ripresa l’attacco dei Dolphins perde per la terza volta la palla, però questa volta i Warriors non ne approfittano grazie ad una prova maiuscola della difesa dorica capace di intercettare il qb felsineo Slusarz due volte in due drive. Il qb americano di Ancona Welch si carica la squadra sulle spalle e con una corsa di 50 yard riporta i Dolphins avanti 19 a 14, ma non è finita. Altro fumble, sponda Warriors, viene riportato in meta dall’altro americano di Ancona Mike Wallace per 49 yard. 25 a 14. Sembra fatta per i Dolphins, ma i Warriors ci credono e Slusarz pesca in end zone ancora Piva. Per il guerriero veterano è il TD pass numero 100. Il risultato torna in bilico 25 a 20. A cinque minuti dal termine Soltana mette a segno il field goal della sicurezza, Bologna arriva nella red zone ma ancora una volta la difesa di Ancona dice no. Finisce 28 a 20 per i Dolphins, che grazie a questa vittoria sono tornati al quarto posto in classifica l’ultimo disponibile per i playoff.

Incredibile partita al Mike Wyatt Field dove le Aquile Ferrara ribaltano e vincono una partita dai mille volte contro i Briganti Napoli. Il team estense, che recentemente ha festeggiato i 35 anni di attività del team, con questa vittoria dimostra di aver appreso il carattere e la determinazione di coach Gunn. Ferrara, priva dell’infortunato Qb Usa Triester, si affida al quarterback italiano Malta. La partenza è da incubo per Ferrara che vede andare a segno i partenopei prima con una meta di Smorra e poi subire una safety da parte della difesa dei Briganti. Nel secondo quarto qb Malta sigla una meta con una corsa personale, 6 a 8 per Napoli. Sembrano girare le cose per le Aquile, ma non è così. Prima arriva il nuovo TD di Napoli firmato dal running back Lugarelli e poi si infortuna l’altro straniero di Ferrara Pavlovic. Il primo tempo si chiude sul 6 a 14 per Napoli, ma ecco nella ripresa la reazione che non ti aspetti. Grazie ad una straordinaria tenuta difensiva e a meccanismi d’attacco che si fanno via via più fluidi sotto la guida di Qb Malta.

Arrivano così altre tre segnature che ribaltano il passivo per Ferrara. A segno per le Aquile De Biaggi su ricezione, Scaramuzza su corsa e ancora su passaggio di Malta va a segno Cavallino. Finisce 28 a 14 per le Aquile, che mettono in cassaforte la salvezza. Per i Briganti, in striscia negativa da sette partite, l’ultima spiaggia sarà domenica 1 giugno contro il fanalino di coda Marines Lazio.

In Alto Adige, allo Stadio Europa, i Giants Bolzano polverizzano i Rhinos Milano 48 a 3. I giganti controllano la partita dal primo all’ultimo minuto, ma la vittoria è amara. Ben quattro giocatori rossoblu si sono infortunati: Maistrello, Polidori ed i due americani Germany e Qb Rock. Per il team di Bolzano di coach Tisma mancano tre partite alla fine della stagione regolare ed è fondamentale recuperare i giocatori finiti in infermeria. Per i Rhinos sfuma definitivamente la corsa playoff.

Allo Stadio XXV Aprile i Panthers Parma liquidano la pratica Lions Bergamo nel primo quarto. Il team campione d’Italia di coach Papoccia segna subito 3 touchdown con Bonanno (2) e Paulsen. La risposta dei leoni arriva nel secondo quarto con due field goal di Cade. Il primo tempo finisce sul 21 a 6 per le pantere. Chiudono il match nel quarto periodo ancora Bonanno, con una ricezione da 74 yard in touchdown e Malpeli Avalli con una corsa in meta da 52 yard. Settima vittoria di fila per i Panthers in campionato e zero sconfitte. Per il team del Presidente Tira ora ci sono due partite ravvicinate in casa: giovedi 29 la Champions contro i Blue Devils e domenica 1 giugno ancora campionato contro le Aquile. Sconfitta prevedibile per Bergamo, che non abbandona i sogni playoff.

La partita da dentro o fuori sarà domenica prossima quando i Lions ospiteranno i Dolphins Ancona all’impianto di Osio Sotto.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *