Il Bologna è nelle migliori tre neopromosse d’Europa


Tra tutte le neopromosse dei migliori campionati europei, il Bologna è al terzo posto dopo Angers e Watford. Fantastica metamorfosi dei rossoblù dopo l’arrivo di Roberto Donadoni

– di Luca Nigro –

Bologna (ph. Zimbio)

Solo Angers e Watford in Europa hanno fatto meglio del Bologna tra le neopromosse (ph. Zimbio)

Da quando Roberto Donadoni è arrivato sulla panchina del Bologna, la squadra ha cambiato volto. I rossoblu in quattro mesi hanno scalato vertiginosamente la classifica. Dal penultimo posto, in quindici giornate Destro e compagni sono arrivati fino alla decima posizione, a tre sole lunghezze dalla Lazio al momento settima. Ad Ottobre era impensabile un simile risultato. In quattro mesi però è cambiato tutto. Una scalata figlia dell’ottimo lavoro di Donadoni e di un gruppo che con lui, ha trovato la sua vera identità. Non a caso nella classifica delle ultime quindici giornate il Bologna è addirittura quarto alle spalle solo di Juventus, Napoli e Fiorentina. Per questo non è un’eresia considerare il march di venerdì sera contro la Juventus, uno scontro al vertice. Un cammino senza dubbio straordinario per una neopromossa. Diametralmente opposto da quello di Frosinone e Carpi rispettivamente diciottesima e diciannovesima. Le due squadre dominatrici dell’ultimo campionato di B, hanno ben presto dovuto fari i conti con la dura realtà della serie A. L’exploit di questi ultimi mesi, non ha solo permesso ai rossoblu di scalare la classifica italiana. Monitorando attentamente i cinque maggiori campionati europei e analizzando approfonditamente il rendimento di tutte le neopromosse, si evince che i rossoblu, allo stato attuale, occupano la terza posizione. Davanti a loro i francesi dell’Angers e gli inglesi del Watford. I bianconeri transalpini, ottavi in classifica, hanno collezionato trentasette punti in ventisei giornate. La squadra di Stephane Moulin, prima dell’ultimo turno era addirittura quinta ma la sconfitta contro il Rennes e le vittorie di Nantes e Lione le hanno fatto perdere tre posizioni in un sol colpo. Questo però, non intacca la grande stagione dell’Angers che al momento si trova a soli tre punti dal terzo posto occupato dal Nice. In Premier League il Watford è a tutti gli effetti la matricola terribile. La società giallonera degli ex “italiani” Britos e Behrami ma di proprietà della famiglia Pozzo, nell’ultimo week end ha espugnato il campo del Crystal Palace grazie alla doppietta di Troy Deeney conquistando la decima vittoria stagionale in ventisei partite. Gli Hornets di Quique Sanchez Florez attualmente noni, con i loro trentasei punti in classifica si sono messi alle spalle il deludente Chelsea e adesso puntano forte il Liverpool lontano appena due punti. Il Bologna rispetto ai francesi e agli inglesi ha però un’attenuante: di gare ne ha giocate venticinque. Ragion per cui i rossoblu, sono in piena corsa per diventare a fine stagione la migliore matricola europea. Il cammino del trio di testa, non è paragonabile a quello di tutte le altre neopromosse.

Troy Deeney Watford (ph. Zimbio)

Troy Deeney, leader e goleador del Watford (ph. Zimbio)

Detto di Carpi e Frosinone, sia in Inghilterra che in Francia le pari grado sono tutte invischiate nella lotta per non retrocedere. Bournemouth e Norwich City, rispettivamente quindicesima e diciassettesima sono divise da quattro punti. Se in Ligue 1 il Troyes è la peggiore in assoluto, ultima con appena quattordici punti, la favola del Gazelec Ajaccio ha subito nelle ultime giornate una brusca frenata. I corsi a metà classifica fino ad un mese fa, con la brutta sconfitta interna rimediata proprio contro il Troyes, sono scivolati al diciottesimo posto. Oggi sarebbero retrocessi ma la graduatoria fortunatamente per loro li in basso è ancora molto corta. Anche in Spagna le tre neopromosse stazionano nelle zone medio basse. La migliore è il Betis Siviglia, quattordicesimo a quota ventisei. Segue lo Sporting Gijon, sedicesimo e in ritardo di tre punti. Chiude il Las Palmas diciottesimo con ventuno punti. Non male invece la stagione delle due matricole tedesche. I bavaresi dell’Ingolstadt 04 alla prima storica presenza in Bundesliga, non stanno affatto sfigurando. In ventuno partite, i punti conquistati sono ventisei che gli valgono al momento il dodicesimo posto in classifica. Un gradino più giù, c’è il Darmstadt con i suoi ventiquattro punti. I biancoblu dell’ex bolognese Gyorgy Garics, quest’estate sono ritornati nella massima serie dopo ben trentacinque anni vincendo lo spareggio contro l’Arminia Bielefeld. Entrambe nell’ultimo turno hanno subito due sconfitte con Wolfsburg e Bayer Leverkusen, ma il margine dal Werder Brema terzultimo, rimane ancora confortante.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *