Il Bologna espugna il Mapei Stadium: Okwonkwo abbatte il Sassuolo


Il Bologna esce con tre punti dal Mapei Stadium grazie alla prima rete da professionista di Okwonkwo. Rossoblù che meritano il successo contro il Sassuolo dopo un primo tempo soporifero

–  di Marco Vigarani –

Prestazione sottotono per Verdi al Mapei Stadium (ph. Gazzetta/Getty Images)

Reduce dalla buona prestazione e dal punto ottenuto contro l’Inter, il Bologna riparte dal Mapei Stadium con diverse novità a partire dalla tattica visto che mister Donadoni sceglie un inedito 3-5-2 con il terzetto De Maio-Gonzalez-Helander dietro, gli esterni Mbaye e Masina mentre in attacco Verdi agisce da partner di Palacio. I rossoblù si schierano così a specchio con il Sassuolo in cui Bucchi ritrova nell’undici titolare sia Duncan che Berardi e la gara si presenta subito estremamente bloccata con pochi spazi ed ancora meno iniziative. A squarciare la noia dopo una ventina di minuti arriva l’azione improvvisa degli uomini di Bucchi che mettono Matri in condizioni di tirare indisturbato dal cuore dell’area di rigore trovando però sulla propria strada un bell’intervento di Da Costa. Il Bologna riesce ad evitare la capitolazione ma continua a non costruire vere e proprie azioni da gol anche a causa della scarsa propensione ad interpretare un modulo inedito con dinamiche ancora tutte da studiare. Duncan ci prova dalla lunghissima distanza alla mezzora, Verdi fornisce una prova ben diversa da quella sfolgorante mostrata martedì al ct azzurro Ventura ma soprattutto il Sassuolo tiene un baricentro più alto rispetto agli avversari senza però produrre più nuove occasioni per un primo tempo che si chiude tra gli sbadigli.

Il gol di Orji Okwonkwo che decide la gara tra Sassuolo e Bologna (ph. Repubblica/ANSA)

Al primo attacco della ripresa però arriva improvvisamente la grande occasione per il Bologna con Palacio che non trova la porta su uno splendido assist di Donsah che poi insiste ancora con un destro a giro dal limite dando l’illusione di poter assistere finalmente ad una partita di calcio. Rossoblù più vivaci con il ghanese più libero di attaccare ed un piglio di squadra decisamente più aggressivo ma risultato ancora bloccato sullo 0-0. All’ora di gioco iniziano così i cambi con Sensi che rileva Duncan ma arriva anche un tentativo di Berardi in girata spettacolare da posizione defilata che però non sorprende Da Costa. Ancora una sostituzione per i neroverdi con Falcinelli per Matri a cui Donadoni risponde inserendo Petkovic al posto di Verdi: tocca ai centravanti provare a sbloccare la partita. Nei minuti successivi più calci negli stinchi che calcio giocato e così Bucchi sceglie di dare più sostanza al suo centrocampo scegliendo Biondini al posto di Berardi ma arriva anche la doccia fredda del secondo cartellino giallo per Magnanelli che lascia così i compagni in inferiorità numerica per gli ultimi dieci minuti. Il Bologna inserisce quindi Okwonkwo per De Maio e Taider per Poli e trova il meritato vantaggio proprio con il giovanissimo nigeriano lesto a trasformare un errore di Palacio nel tap-in che gli vale il suo primo gol da professionista. Nel convulso finale occasione per il pareggio di Adjanpong ma anche per il raddoppio dello stesso Okwonkwo che però non si concretizzano lasciando invariato il risultato di 0-1.

Tre punti pesanti e complessivamente meritati quelli colti dal Bologna sul campo del Sassuolo grazie al primo e fondamentale centro del baby attaccante Okwonkwo al termine di una gara dai due volti. Noia sovrana nel primo tempo con due squadre schierate a specchio e poco interessate ad attaccare ma ripresa decisamente più divertente soprattutto per merito del Bologna che ha mutato il proprio atteggiamento andando a pressare alto per cercare la vittoria. Solo i cambi intelligenti di mister Donadoni hanno però esaudito il desiderio del popolo rossoblù (quasi tremila sugli spalti dell’impianto di Reggio Emilia) che alla fine ha potuto applaudire i propri eroi per la seconda vittoria in campionato dopo quella colta sul campo del Benevento. Domenica prossima si cercherà il tris a Genova.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *