Il Bologna ha perso il passo per la Serie A


Nelle ultime sette gare per il Bologna è arrivata solo una vittoria e negli scontri diretti la media punti si è dimezzata: così la Serie A è un miraggio

– di Marco Vigarani –

Cacia in azione contro il Frosinone (ph Bologna)

Cacia in azione contro il Frosinone (ph Bologna)

Dopo diciotto giornate di Serie B, il Bologna stamattina si è svegliato in sesta posizione a due punti di distanza dall’ultimo posto valido per la promozione diretta occupato dal Frosinone e con un vantaggio di tre punti dalla prima squadra esclusa dalla zona playoff, il Perugia. La sensazione che questa squadra abbia bisogno di cambiare passo per poter ambire davvero al ritorno immediato in Serie A si sta trasformando in una certezza assoluta a maggior ragione se il club rossoblù non vorrà passare attraverso le incertezze di una fase di post season che ogni anno miete vittime illustri (Empoli e Bari negli ultimi due anni).

Nelle prime undici giornate il Bologna aveva viaggiato ad una media di 1.90 punti a partita ma nelle ultime sette gare qualcosa è cambiato ed il passo si è praticamente dimezzato. Con sette punti in altrettanti turni di campionato, la squadra di Lopez ha perso ripetutamente l’occasione di lanciare l’assalto ai piani alti della classifica e, considerando soltanto l’ultimo lasso temporale, si collocherebbe miseramente al sedicesimo posto in Serie B insieme a formazioni come Latina, Cittadella, Varese ed Entella che lotteranno fino alla fine per non retrocedere. Una piccola consolazione può arrivare dal Bari che ha fatto anche peggio (6 punti) ma guardando in alto si scopre che il Carpi capolista ha collezionato 15 punti e tutte le altre concorrenti per la Serie A hanno fatto meglio (Spezia 12, Livorno 11, Catania 8).

Osservando l’attuale graduatoria, si nota infatti che il Bologna sta faticando tremendamente negli scontri diretti contro le squadre della prima parte della classifica. In sette gare infatti sono arrivati ancora una volta altrettanti punti figli di una sola vittoria contro il Trapani e di pareggi contro Carpi, Frosinone, Spezia e Vicenza. Del lotto delle prime dieci del campionato, escludendo ovviamente i rossoblù, restano da affrontare soltanto Lanciano, Avellino e Pro Vercelli ovvero esattamente le prossime tre formazioni che il calendario di Serie B proporrà come avversari al Bologna nelle ultime gare prima della sosta di venti giorni propedeutica all’inizio del girone di ritorno. Si tratta di tre partite assolutamente decisive per capire la consistenza tecnica tanto della rosa rossoblù quanto della guida di Lopez, fattori chiave finiti inevitabilmente sotto esame per non perdere definitivamente il treno verso la Serie A.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *