Il Bologna naufraga a Bergamo. Cornelius spegne la luce ai rossoblù


A Bergamo si interrompe la striscia vincente del Bologna. L’Atalanta si prende la gara con un gol di Cornelius, espulso Gonzalez

– di Marco Vigarani –

Di Francesco è stato sostituito in avvio di ripresa da Donadoni (ph. Eco di Bergamo)

Dopo un tris di vittorie, il Bologna si presenta in casa dell’Atalanta per una sfida alla grande sorpresa del calcio italiano e per questa occasione mister Donadoni non rinuncia ai suoi titolari schierando il miglior undici possibile. Dall’altra parte invece Gasperini opera qualche cambio mandando in campo Castagne e, privo di Gomez, spostando Cristante affianco ad Ilicic alle spalle di Petagna. Si parte dopo doveroso il minuto di silenzio in memoria di Marino Perani con due formazioni molto attente sul piano tattico. Il primo squillo è di marca rossoblù dopo un quarto d’ora con un’azione personale di Palacio che porta ad una punizione molto ghiotta di Verdi che però si infrange sulla barriera. Il successivo intervento però è quello della sfortuna che toglie dal campo Torosidis obbligando il tecnico rossoblù al primo cambio con Krafth ma gli attacchi continuano ad essere sostanzialmente inoperosi. La prima grande occasione è per Petagna al 35′ con il centravanti orobico che non trova la porta da posizione decisamente ghiotta ma nel finale del primo tempo Verdi restituisce il favore con un errore clamoroso cercando Palacio invece di tirare in porta mostrando un mix letale tra eccesso di altruismo e scarsa lucidità.

Atalanta-Bologna viene decisa da un gol di Cornelius (ph. Eco di Bergamo)

La ripresa si apre senza cambi immediati ma con i padroni di casa più attivi tantoda spingere Gasperini ad inserire anche Cornelius al posto di Cristante passando al 3-4-1-2 trovando subito una grande occasione con Spinazzola ed il pallone che si spegne di poco sul fondo. Ci prova subito anche Ilicic a conferma del rinnovato spirito orobico così Donadoni cerca di coprire la propria area pescando dalla panchina De Maio che rileva Di Francesco per passare al 3-5-2 spostando Verdi al fianco di Palacio per una sorprendente modifica all’assetto tattico. Ancora un cambio con Petagna che lascia il campo a Kurtic per tornare al classico tridente offensivo ma l’occasione arriva da fuori area con la bordata di De Roon di poco imprecisa. Si tratta solo dell’antipasto per la rete meritata del che arriva al 71′ con una bomba mancina di Cornelius dal cuore dell’area. Immediato l’ultimo cambio rossoblù con Destro per Palacio. Occasione anche per Verdi che deposita di poco a lato il mancino ed ultimo cambio per l’Atalanta con Gosens che rileva Spinazzola ma i buoi sono ormai scappati dalla stalla di Donadoni che nel finale perde anche Gonzalez per la seconda ammonizione in sei minuti. Il centravanti danese sfiora in un paio di occasioni la doppietta mentre il Bologna finisce per attendere con ansia il triplice fischio finale.

La striscia vincente rossoblù si ferma a quota tre, a Bergamo vince la squadra più attrezzata e più matura che ha saputo soffrire, attendere ed infine punire gli avversari. Le stesse doti che avevamo elogiato proprio nel Bologna delle scorse settimane. Nonostante le fatiche europee, meglio anche mister Gasperini nel confronto con il collega Donadoni che ha azzardato un inutile cambio di modulo finendo per subire ulteriormente la crescita degli avversari gia iniziata dal primo minuto della ripresa. All’alba di una settimana a dir poco difficile però bisognerà saper ridimensionare subito la delusione, assorbire il deficit causato dall’espulsione di Gonzalez e rialzare la testa dal turno infrasettimanale contro la Lazio.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *