Il Bologna torna in campo, out Krafth e Destro. Rebus Diawara


I rossoblù riprendono i lavori verso il Carpi con una seduta atletica. Assenti Destro e Krafth, mentre Diawara abbandona il campo poco dopo l’inizio dell’allenamento

– di Luigi Polce –

Dopo l'azione offensiva tutta ad un tocco, si torna in posizione in allungo

Dopo l’azione offensiva tutta ad un tocco, si torna in posizione in allungo. Oggi assente Destro

Archiviato lo 0-0 di Palermo, il Bologna (privo di Destro) riprende i lavori a Casteldebole con una seduta pomeridiana, buona soprattutto per mettere un po’ di benzina nelle gambe in vista del match contro il Carpi in programma domenica prossima. Dopo un’iniziale fase di riscaldamento con il pallone grande protagonista, Donadoni ha diviso la squadra in tre gruppi e ha sottoposto i suoi al classico esercizio a campo ridotto, per allenare il possesso palla nelle situazioni di gran traffico e l’intensità. Parte atletica in primo piano anche nell’esercitazione successiva, quando i vari gruppi provavano delle azioni d’attacco (senza difesa) ad un tocco, per poi tornare in posizione – dopo la metà campo – in allungo, il tutto ripetuto per diversi minuti. Infine, un torello defaticante prima della partitella che ha chiuso l’allenamento, con gli schieramenti visti in campo comunque poco significativi e piuttosto mischiati: da una parte c’erano Mbaye, Ferrari, Masina e Constant in difesa; Brighi, Crisetig e Taider a centrocampo, mentre in avanti Acquafresca supportato da Brienza e Giaccherini. Con le casacche invece la retroguardia formata da Zuniga, Rossettini, Oikonomou e Morleo, protetta dalla mediana composta da Donsah, Pulgar e Zuculini. In attacco il trio Mounier-Floccari-Rizzo.

Capitolo assenti. Non ha preso parte alla seduta Krafth, contrariamente a quanto pronosticato, così come Destro che è solito saltare la prima seduta della settimana. Maietta e Gastaldello sono rientrati anzitempo negli spogliatoi non prendendo parte alla partitella finale, mentre Diawara ha lasciato il terreno di gioco poco dopo l’inizio dell’allenamento, ma non dovrebbero preoccupare le sue condizioni: per lui programma personalizzato dopo la botta alla schiena rimediata a Palermo nello scontro con Vazquez.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *