Il Carpi insegna al Bologna: meno passaggi e più concretezza


Carpi e Bologna, prima e seconda, hanno buone individualità ma i biancorossi sono più decisivi in attacco. Il Bologna fa tanto gioco ma concretizza poco. Fra i più decisivi della serie Brignoli, Donati, Viviani e Siligardi

– di Massimo Righi –

Francelino Matuzalem, uno dei migliori nelle classifiche di rendimento (ph. LaPresse)

Francelino Matuzalem, uno dei migliori nelle classifiche di rendimento (ph. LaPresse)

Dopo 31 giornate il Bologna fatica tremendamente a vincere e prima ancora a segnare in casa. Sebbene il secondo posto in classifica rimanga saldo, ci sono alcuni dati da considerare tramite le statistiche: il Bologna gioca tanto il pallone ma concretizza poco. Prima di scendere nel dettaglio di un confronto con il Carpi occorre dire che in generale, chi è più decisivo singolarmente non è detto che lo sia collettivamente e i numeri che seguono lo spiegano adeguatamente.

Nelle classifiche di rendimento proposte dalla Lega di Serie B, il Bologna annovera 3 dei suoi uomini fra coloro che hanno dato un contributo quantitativo ai risultati della propria squadra. Escluso l’attacco felsineo, che entro i primi 15 uomini di questa speciale classifica non può figura con nessuno dei suoi componenti, mentre per gli altri reparti annovera Coppola, Oikonomou e Matuzalem. Il portiere più decisivo della serie finora è Brignoli della Ternana, mentre Coppola è ottavo. In difesa, Donati del Bari è il difensore che ha dato maggior contributo alla sua causa rispetto ai colleghi, mentre il primo rossoblù è Oikonomou, anche lui all’ottavo posto. Se a centrocampo svetta su tutti il regista del Latina Viviani, il felsineo Matuzalem è terzo. Come invece già detto in attacco fra i primi 15 attaccanti, non figura alcun giocatore del Bologna, mentre il più decisivo della B è l’ex rossoblù Siligardi, in forza al Livorno.

L'attaccante del Carpi Jerry Mbakogu, 3° attaccante più decisivo della B (ph Papini)

L’attaccante del Carpi Jerry Mbakogu, 3° attaccante più decisivo della B (ph Papini)

Confronto col Carpi – In tutto questo, come si collocano gli uomini della capolista? Come il Bologna, anche il Carpi non ha un uomo decisivo in ogni ruolo: ai rossoblù manca un uomo decisivo in attacco, ai biancorossi manca invece a centrocampo. Il Carpi infatti non è una squadra che ha nella mediana il proprio punto di forza, dal momento che alla voce palle giocate e a quella passaggi riusciti, il club biancorosso risulta essere quartultimo e penultimo. Ma la capolista si riscatta con la difesa: il portiere Gabriel ed il difensore Gagliolo, sono quinti nei rispettivi ruoli più decisivi della divisione, tre posizioni sopra a Coppola e Oikonomou. A centrocampo il Bologna domina con l’apporto di Matuzalem vista l’assenza di un carpigiano, ma soccombe in attacco con zero punte, contro invece la presenza di Mbakogu che è terzo nella classifica degli attaccanti più decisivi.

In sintesi, dal momento che la classifica generale premia il Carpi, la morale si può leggere così: il centrocampo può far poco gioco come quello della capolista, ma quel che non deve mancare è l’apporto continuativo in zona gol . Ma i presupposti (e i nomi) per far rendere molto meglio di così il reparto offensivo rossoblù ci sono tutti.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *