Il Celta rischia il colpaccio ma a passare è lo United. Lione, rimonta sfiorata. Finale d’Europa League tra Ajax e Red Devils


Il riassunto delle semifinali di ritorno di Europa League. United, 1-1 in casa col Celta. Il 3-1 del Lione sull’Ajax non basta ai francesi per la finale

– di Tiziano De Santis –

Fellaini esulta assieme a Lingard dopo aver segnato il gol in Manchester United-Celta Vigo 1-1 di Europa League (ph. Stadiosport.it)

Dopo il verdetto delle semifinali di Champions, a stabilire le finaliste dell’edizione dell’Europa League 2016/2017 sono le gare di ritorno tra Manchester United-Celta Vigo e Lione-Ajax. Il team di José Mourinho, forte (ma non troppo) dello 0-1 dell’andata al Balaidos, è chiamato a far punti anche davanti ad un Old Trafford tutto esaurito. Il Celta, dopo un primo squillo di Aspas ben letto da Romero, si ritrova in svantaggio già al 17′, quando Fellaini supera di testa Alvarez ottimizzando al massimo il preciso assist di Rashford. Il primo tempo si riassume ulteriormente in due tentativi senza fortuna di Sisto per gli iberici, nulla che possa preoccupare Romero e i supporter dei padroni di casa. Nella ripresa a sprecare il possibile 1-1 è Guidetti: lo svedese, infatti, sbaglia clamorosamente un colpo di testa da posizione privilegiata nonostante l’assente marcatura avversaria. A non far rimpiangere l’errore del compagno ci pensa Roncaglia, che, all’86’, sigla, di testa, il gol del pareggio sul cross tagliato dalla destra di Bongonda. Lo United trema davanti a un risultato pericolosissimo per il prosieguo del proprio cammino in Europa League e la tensione calata in campo si risolve in una rissa risolta dall’arbitro Hategan con un rosso per parte. Bailly e lo stesso Roncaglia sono costretti ad abbandonare il terreno di gioco prima della clamorosa occasione Celta sprecata ancora da Guidetti, che cicca malamente davanti alla porta rivale la rete del vantaggio e del conseguente raggiungimento della finale. A passare sono, così, i Red Devils di Mourinho, che troveranno davanti, nell’ultimo atto europeo, l’Ajax di Peter Bosz.

Alexandre Lacazette si dispera in Lione-Ajax 3-1 di Europa League (ph. Eurosport.com)

I Lancieri d’Olanda perdono 3-1 contro il Lione al Parc Olympique Lyonnais ma conquistano il volo per la Friends Arena di Stoccolma grazie principalmente al 4-1 rifilato ai francesi nella gara d’andata. Il Lione, tra le mura amiche, è chiamato alla super rimonta, ma a stemperare prepotentemente gli animi d’oltralpe è, al 27′, il vellutato pallonetto di Dolberg, che insacca alle spalle di Lopes per lo 0-1 Ajax. Alla palla-gol sciupata, per gli olandesi, da Traorè risponde la clamorosa doppietta di Lacazette: l’asso Bleu prima pareggia i conti su rigore al 45′ e poi, un minuto più tardi, ben pescato da Fekir dopo un brutto rinvio della difesa avversaria, porta in vantaggio i suoi prima del consueto tè caldo. Nella ripresa gli errori di Lacazette, Fekir, Tolisso e Rybus pesano e non poco alla causa del Lione, costretto, tuttavia, a ringraziare la traversa difesa da Lopes sulla conclusione di Van de Beek  prima di trovare il meritato 3-1 con Ghezzal, bravo a incornare di testa alle spalle di Onana su assist di Rybus. Il resto del condimento è costituito da un folle rosso guadagnato da Viergever a 6 minuti dal termine e da una ghiotta occasione sprecata malamente da Cornet per i padroni di casa. A dire stop a un incontro bellissimo è l’arbitro Marciniak, il cui triplice fischio finale spedisce in Paradiso l’Ajax, all’Inferno il Lione.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *