Il comunicato della Fossa dei Leoni su Lestini


Riportiamo integralmente il comunicato del Direttivo della Fossa dei Leoni, nucleo pulsante del cuore del tifo della Fortitudo, in seguito alle parole di Federico Lestini nella conferenza stampa indetta da lui stesso ieri pomeriggio

– di Massimo Righi –

In seguito alla conferenza stampa indetta ieri pomeriggio da Federico Lestini, giocatore ex Forlì inviso alla piazza per i suoi gesti contro la tifoseria bolognese risalenti alla promozione in Lega Due del 2010, la Fossa dei Leoni 1970 nucleo pulsante del tifo biancoblù fortitudino, si è voluto esprimere in merito tramite un comunicato che racchiude il pensiero del gruppo dopo aver preso atto della parole dell’atleta. Questo il testo integrale del comunicato divulgato poco fa:

Lo stemma Fortitudo e il Leone della Fossa (ph. Facebook)

Lo stemma Fortitudo e il Leone della Fossa (ph. Facebook)

“Il fatto di scrivere un comunicato che non riguardi la promozione ottenuta a Forlì dalla Foritudo è una occasione persa per continuare a godere insieme del grande risultato ottenuto dopo anni di sofferenze. Ma questa è solo l’ennesima dimostrazione che la tranquillità da queste parti non è di casa. Scrivere queste righe per parlare addirittura di Federico Lestini ci pare invece grottesco! Tutta la tifoseria fortitudina ha già espresso il proprio parere sull’eventuale suo tesseramento: chi sul web, chi direttamente all’interessato e chi alle persone che dovranno decidere in merito. Il parere è unanime e FOSSA lo ribadisce solamente: Lestini non deve indossare la divisa della Fortitudo! Teniamo a chiarire che i diversi modi di esprimere il dissenso fanno parte dell’essere tifoso e in quanto tali vanno accettati. Noi come FOSSA dei LEONI 1970 abbiamo i nostri e, come noi rispettiamo gli altri, esigiamo che lo stesso trattamento venga riservato a noi. Non dobbiamo spiegazioni sulle nostre modalità di agire, anche, e soprattutto dopo il lavoro e i risultati ottenuti negli ultimi 5 anni! Detto questo, precisiamo che non c’e mai stato e mai ci sarà un incontro chiarificatore o di riappacificazione tra membri della FdL1970 e Federico Lestini. Questo signore con i suoi atteggiamenti ha offeso tutta la tifoseria e a tutta la tifoseria deve delle scuse, non delle spiegazioni come ha tentato di fare. Prendiamo atto dello sforzo di provare a imbastire una conferenza stampa e metterci la faccia ma per noi le cose non cambiano. La, pessima, valutazione della persona quella era e quella rimane. Chiariamo subito un’altra cosa: noi non faremo le barricate contro Federico Lestini. Abbiamo superato avversità e personaggi peggiori ultimamente! Si è già sprecato troppo tempo e troppe energie che questo mezzo uomo non merita. Spegniamo i riflettori attorno a questa persona. Chi deve decidere delle sue sorti non siamo noi. Noi dobbiamo fare i tifosi. Ve lo ricordate? Ci è stato detto tante volte di tornare al nostro ruolo. Bene. Facciamo i tifosi allora. Sono altri che dovranno decidere e ora (solo ora?) sanno che portare in P.zza Azzarita questo signore sarebbe una scelta impopolare a 360°. Sarà una scommessa? Le scommesse si vincono e si perdono. Prego fate il vostro gioco a questo punto. Fosse per noi, il suo nome non sarebbe nemmeno dovuto essere accostato a quello della Fortitudo. Per vestire questa maglia ci vogliono cuore, palle e cervello tutti insieme. Bisogna dimostrare di essere uomini perché la Fortitudo non è un posto per tutti. Questo comunicato Federico Lestini se lo può appendere sopra il letto e usarlo come fattore motivazionale per migliorare sotto questo punto di vista. Non scherziamo“.

Il direttivo della Fossa dei Leoni 1970

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *