Il derby continua: accuse e insulti tra Lotito e Pallotta


A tre giorni dal derby di Roma continuano ad infuriare le polemiche soprattutto ai piani alti con Lotito che attacca Baldissoni e Pallotta mentre il Casms chiude entrambe le Curve

– di Marco Vigarani –

Claudio Lotito e James Pallotta (ph. Zimbio)

Claudio Lotito e James Pallotta (ph. Zimbio)

Sul campo la gara si è conclusa senza un vincitore, ma il clima che accompagna Roma e Lazio nei giorni immediatamente successivi al derby è davvero rovente. Tutto ha avuto inizio con quell’esultanza di Totti, un selfie ironico e provocatorio che non ha lasciato indifferente il presidente laziale Lotito che ha commentato: “Mi è sembrato un gesto inopportuno e, per quanto innocuo, poteva istigare alla violenza all’interno di una situazione già esacerbata“. Avvelenato, il proprietario biancoceleste ha anche aggiunto: “La Roma comunque non vincerà il campionato, non ho dubbi e posso scommettere la mia presidenza“. Proprio quest’ultima affermazione ha provocato la risposta piccata del direttore generale giallorosso Baldissoni che ha insinuato: “Detto che sono loro gli esperti di scommesse, se Lotito scommette la poltrona c’è il rischio che i tifosi della Lazio tifino per la Roma“. Il terreno di scontro a questo punto è diventato ancora più ampio in seguito alla nuova replica di Lotito che ha suggerito: “Baldissoni non perda tempo dietro a questo ma pensi a tenere in ordine i conti della propria società. Se vuole venga pure a Formello a vedere i risultati del risanamento e dell’efficienza della Lazio“. A questo punto è intervenuto direttamente il presidente Pallotta con un comunicato ufficiale in cui annuncia: “Le dichiarazioni sciocche di Lotito denotano ignoranza riguardo alla gestione economica della Roma. Quando tornerò lo lo renderò edotto in merito alla nostra solidità finanziaria spiegandomi lentamente come se parlassi ad un bambino“. Non ha perso tempo ancora una volta Lotito che, scandalizzato ha replicato: “Invito Pallotta a rileggere il bilancio della sua società che ha perso 38 milioni di euro nel solo 2014. Gli auguro di iniziare a rispettare le norme del fair play finanziario dal 1 luglio visto che noi lo facciamo da dieci anni“.

Scontri a Roma in occasione del derby (ph. Ansa)

Scontri a Roma in occasione del derby (ph. Ansa)

In attesa di ulteriori risposte e provocazioni da parte dei primi rappresentanti delle due società ovvero proprio coloro che dovrebbero dare il buon esempio, arrivano i provvedimenti presi dal Casms in seguito al comportamento delle due tifoserie in occasione dell’ultimo derby. Il clima di continua tensione infatti ha avuto ripercussioni, come spesso accade, anche allo stadio e nelle zone limitrofe dando vita ad un alto livello di pericolo che ha reso necessari interventi preventivi volti a colpire i movimenti Ultras sia della Roma che della Lazio. Si è quindi deciso di chiudere entrambe le curve consentendo l’accesso soltanto ai possessori della Tessera del Tifoso: nel dettaglio la Curva Sud romanista resterà chiusa per le due gare contro l’Empoli di campionato e Coppa Italia mentre la Curva Nord laziale non sarà agibile in occasione della sfida al Napoli di domenica prossima. Va ricordato che sabato scorso prima e dopo la gara ci sono stati momenti di tensione con lanci di petardi sia tra le due tifoseri che contro la polizia che ha risposto con cariche e lacrimogeni procedendo in seguito al fermo di alcuni individui e ad alcune perquisizioni. Tra i ritrovamenti spiccano un’auto carica di bottiglie molotov, bastoni e bombe carta ma anche un ordigno esplosivo artigianale contenente chiodi e ritenuto potenzialmente in grado di uccidere.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *