Il Messico vince la Gold Cup 2015


Finale senza storia per la Gold Cup 2015 con il Messico che trionfa 3-1 contro la Giamaica. Gli Stati Uniti perdono anche la finalina ai rigori 

– di Marco Vigarani – 

Festa per il Messico che ha vinto la Gold Cup 2015 (ph. Zimbio)

Festa per il Messico che ha vinto la Gold Cup 2015 (ph. Zimbio)

Come ampiamente previsto, il Messico si è aggiudicato senza alcun problema la finale della Gold Cup 2015 arrivando a quota sette trionfi nell’albo d’oro della competizione. La finale contro la Giamaica è stata poco più di una formalità per i messicani che di fronte ad oltre 70mila spettatori a Philadelphia sono passati in vantaggio poco dopo la mezz’ora con il solito decisivo capitano Guardado che chiude così il trofeo al secondo posto nella classifica marcatori alle spalle dello statunitense Dempsey. Il Messico poi ha messo al sicuro il risultato trovando ancora due reti con Corona al 46′ e Peralta al 60′ che hanno reso inutile la marcatura del giamaicano Mattocks arrivata ad un quarto d’ora dal triplice fischio finale che ha regalato il successo alla Nazionale centroamericana.

Delusione cocente invece per gli Stati Uniti che chiudono addirittura al quarto posto nonostante l’ospitalità della competizione condivisa con il Canada, la forza della rosa a disposizione di Klinsmann e la vena realizzativa di Dempsey. La finalina di consolazione contro Panama infatti aveva visto i tempi regolamentari concludersi in parità sull’1-1 ma i calci di rigore sono stati fatali agli statunitensi che hanno fallito gli ultimi tre tentativi a disposizione, uno dei quali affidato all’ex romanista Bradley.

Resta ora un ultimo atto da compiere per stabilire quale Nazionale tra Messico e Stati Uniti rapprensenterà la Federazione centro-nordamericana alla prossima Confederations Cup in Russia nel 2017 in un antipasto del prossimo Mondiale. I vincitori della Gold Cup 2013 ed i nuovi campioni si sfideranno quindi a ottobre in un playoff che decreterà la squadra rappresentante.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *