Il Mondiale Under 20 va alla Serbia


Si è concluso ieri il Mondiale Under 20 in Nuova Zelanda con il successo della Serbia sul Brasile per 2-1. Deludenti le sudamericane, il capocannoniere è l’ucraino Kovalenko

– di Marco Vigarani –

La festa della Serbia dopo il successo al Mondiale Under 20 (ph. FIFA)

La festa della Serbia dopo il successo al Mondiale Under 20 (ph. FIFA)

Se il Brasile dei grandi piange e recrimina per la squalifica di Neymar in Coppa America, quello baby non può certamente sorridere. Ieri infatti i giovani verdeoro della selezione Under 20 hanno perso l’occasione di conquistare il sesto Mondiale di categoria uscendo sconfitti per 2-1 dalla finale di Auckland contro la Serbia. I balcanici quindi ottengono il loro primo alloro dopo la disgregazione della Iugoslavia e mettono in evidenza davanti agli occhi degli osservatori di tutto il mondo una formazione di possibili nuove stelle a partire dal portiere Predrag Rajkovic che è stato premiato con il Guanto d’Oro. Il capocannoniere di questa edizione però parla ucraino ed è Viktor Kovalenko, autore di cinque reti nella fase finale della competizione a pari merito con l’ungherese Bence Mervo mentre invece è stato il maliano Adama Traorè, centrocampista del Lilla, a ricevere il Pallone d’Oro come miglior giocatore del Mondiale.

L’edizione neozelandese, la ventesima dalla nascita della manifestazione, ha quindi visto il Brasile fallire per la seconda volta l’aggancio all’Argentina in vetta all’albo d’oro anche se il lavoro del ct Micale è stato comunque superbo visto che il suo ingresso in carica risale a meno di un mese fa dopo l’esonero del predecessore. Questo Mondiale passa agli archivi però come un fallimento delle selezioni sudamericane visto che l’Argentina è uscita direttamente alla fase a gironi mentre invece Colombia ed Uruguay non sono andate oltre gli ottavi di finale. I campioni della Serbia hanno vissuto una cavalcata piuttosto complessa iniziata con la vittoria nel Gruppo D ma proseguita poi con quattro gare concluse sempre oltre il novantesimo: 2-1 ai supplementari contro l’Ungheria agli ottavi, 6-5 ai rigori contro gli Stati Uniti ai quarti, 2-1 ai supplementari contro il Mali in semifinale replicato poi nell’atto conclusivo contro il Brasile. Appuntamento tra due anni quando il Mondiale Under 20 farà tappa in Sud Corea.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *