Il Napoli vince la Supercoppa Italiana


Il Napoli si aggiudica la Supercoppa Italiana dopo i calci di rigore, avendo ragione della Juve pur andando in svantaggio due volte. Higuain e Rafael i protagonisti

– di Massimo Righi –

Il Napoli festeggia la vittoria della Supercoppa Italiana (ph. legaseriea.it)

Il Napoli festeggia la vittoria della Supercoppa Italiana (ph. legaseriea.it)

Il Re di Coppe si conferma tale. Rafa Benitez conquista la Supercoppa Italiana con il suo Napoli battendo ai rigori la Juventus, riacciuffata per due volte durante i tempi regolamentari terminati 2-2. Sono quindi 10 le coppe vinte dal tecnico madrileno in 10 anni, partendo dalla Coppa Uefa 2004, sino alla Supercoppa Italiana vinta ieri a Doha, in Qatar. E mentre il Napoli torna a vincere il trofeo dopo l’ultima volta, quando ebbe la meglio proprio contro la Juventus nel 1990 trionfando 5-1, la Juventus resta con l’amaro in bocca per aver gettato al vento il doppio vantaggio e tantissime occasioni anche nella serie finale dei calci di rigore.

Come detto, la partita non era iniziata in discesa per il Napoli, che aveva subito il gol del solito Carlos Tevez nei primi minuti. Caparbio l’Apache sbloccare la gara sfruttando l’errore congiunto di Albiol e Koulibaly che si ostacolano a vicenda, permettendo all’attaccante di arrivare a tu per tu con Rafael e trafiggerlo. Nonostante il gol a freddo, il Napoli si scuote grazie ad Hamsik, che trascina i partenopei con la sua verve ispirando i compagni d’attacco e cogliendo anche un palo, sfruttando un disimpegno errato di Chiellini. La Juventus dal canto suo tenta di chiuderla con Tevez bravo a impegnare Rafael, che risponde da campione ad un tiro violento dell’argentino, ripetendosi poco dopo mandando in angolo il diagonale dello stesso. Sul finire della prima frazione, Higuain ci prova da appena fuori area, ma Buffon è vigile. Nella ripresa il Napoli parte alla ricerca del pari ma Callejon, su palla persa da Pirlo, spedisce a lato di poco un diagonale vanificando l’imbeccata di Hamsik. Al 68’ Higuain non fallisce. Il Pipita infatti gira in rete di testa un bel cross dell’olandese De Guzman, riscattando il palo colpito poco prima con un pallonetto e portando i suoi sull’1-1. Nel finale, Tevez si divora il gol partita facendo calare il sipario dei tempi regolamentari.

Ai supplementari, è ancora Tevez a rendersi pericoloso, ma lo scambio con Llorente non porta a nessun pericolo. Poco dopo però è Vidal ad avere la chance per segnare, ma Koulibaly chiude da campione. Il 2-1 bianconero però è nell’aria. Pogba si libera di due uomini e serve Tevez, questi supera Koulibaly e infila la porta per la seconda volta. Il Napoli non ci sta e Higuain si scatena. Prima Buffon gli nega il pari, poi a 2’ dalla fine del tempo, l’attaccante ex Real gira in rete da grande centravanti un pallone in piena area, permettendo ai suoi di pareggiare e di giocarsi tutto ai rigori. Dagli 11 metri, dopo ben nove penalty calciati e diversi match point falliti dai bianconeri, il Napoli ha la meglio grazie all’errore decisivo di Padoin.

Juventus 2: Buffon; Lichtsteiner (79’ Padoin), Bonucci, Chiellini, Evra; Pogba, Pirlo (67’ Pereyra), Marchisio; Vidal; Tevez; Llorente (106’ Morata). All. Allegri

Napoli 2: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Gargano, David Lopez (91’ Inler); Callejon, de Guzman (106’ Jorginho), Hamsik (79’ Hamsik); Higuain. All. Benitez

Gol: 5’, 106’ Tevez (J), 68’, 118’ Higuain (N)

Sequenza rigori: Jorginho parato, Tevez palo, Ghoulam gol, Vidal gol, Albiol gol, Pogba gol, Inler gol, Marchisio gol, Higuain gol, Morata gol, Gargano gol, Bonucci gol, Mertens parato, Chiellini parato, Callejon parato, Pereyra fuori, Koulibaly gol, Padoin parato

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *