Il Real Madrid comanda la classifica dei fatturati


Il Real Madrid domina in Europa alla voce dei fatturati secondo lo studio della Deloitte. Boom delle squadre inglese nei primi 20 posti della classifica, mentre sono 4 le italiane presenti

– di Massimo Righi –

La classifica dei primi 20 club per fatturato (ph Deloitte)

La classifica dei primi 20 club per fatturato (ph Deloitte)

Lo strapotere del Real Madrid si evince anche dalla classifica dei fatturati, che la consueta analisi della Deloitte ha pubblicato nel rapporto “Football Money League”. La Deloitte, considerata la più grande azienda di servizi di consulenza e revisione del mondo, analizza il giro d’affari dei top club di calcio europei anno dopo anno. Giunto alla 18ª edizione, lo studio si concentra sulle prime 20 società europee, in testa alle quali si trova indiscutibilmente da una decina d’anni a questa parte, il Real Madrid, forte dei 549,5 milioni incassati nell’ultima stagione (+6%).

Metodo Deloitte – Il metodo usato dalla Deloitte per pervenire ai dati finali dello studio, va a considerare alcuni aspetti del fatturato come la vendita di biglietti e i servizi di ospitalità, i diritti di trasmissione tv (le sfide di campionato, quelle delle coppe nazionali e delle manifestazioni internazionali), oltreché le fonti commerciali, dove dominano sponsorizzazioni e merchandising, mentre dal calcolo viene invece esclusa la compravendita dei calciatori. Le fonti, arrivano direttamente dai bilanci sottoposti a revisione e dalle informazioni fornite dei club.

Top six –  Al 2° posto ritroviamo il Manchester United, che scala di due posizioni grazie alle sponsorizzazioni (+34%) e alle vendite, (+24%), con 518 milioni. Al 3° posto c’è  il Bayern Monaco con 487 milioni, mentre scende dal podio il Barcellona, che con 484,6 milioni si trova al quarto posto, precedendo il PSG con 474 milioni. Al 6° posto c’è il Manchester City con 414,4 milioni.

Le italiane –  I club italiani ad entrare in questa speciale classifica sono 4, ma sono in seconda fascia. La Juventus è la prima di queste, collocandosi al 10° posto, poi il Milan al 12° e il Napoli al 16°, giusto un gradino davanti all’Inter 17°. Il club rossonero esce dai primi dieci posti per la prima volta non solo per il calo delle risorse finanziarie, ma anche a causa del mancato sviluppo dello stadio di proprietà. E pensare che fino a 10 anni fa, dietro al Real Madrid e al Manchester United, si trovavano Milan e Juve, che avevano fatturati di poco inferiori a quelli delle due big. Inoltre all’epoca, la top ten della Deloitte sfoggiava ben cinque club italiani al suo interno. Altri tempi.

Premier al top – Nei primi 20 posti domina la Premier League, che vede l’ingresso per la prima volta di Everton e Newcastle, portando a 8 le squadre inglesi presenti in classifica. Sempre a favore del campionato inglese, lo studio sottolinea che tutti e 20 i club della Premier sono tra i 40 maggiori percettori del calcio europeo. Eppure c’è anche una nota stonata che arriva dalle entrate al botteghino, che risente della crisi economica degli ultimi anni. A questa voce infatti, corrisponde in media appena il 20% del fatturato dei primi 20 club europei, in netto calo rispetto al 33% della stagione 2004-05.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *