Immobile affonda un Milan imbarazzante; Dybala entra e cambia faccia alla partita


Top e Flop della 3^ giornata di Serie A 2017-18

– di Francesco Ferrari –

TOP

Ciro Immobile piega il Milan con una tripletta e un assist per Luis Alberto (ph. Tgcom24.mediaset.it)

Immobile (Lazio): sblocca la gara realizzando il rigore per il fallo di Kessié su Luis Alberto, dopo 4′ è tutto solo sul secondo palo e con una splendida volèe batte Donnarumma per la seconda volta. Al 3′ della ripresa segna la tripletta personale, poi regala anche l’assist per il gol di Luis Alberto. In una manciata di minuti affonda un Milan imbarazzante;

Dybala (Juventus): entra con la Juve già in vantaggio per 1-0 ma spenta sotto il punto di vista del gioco. Appena in campo si rende subito pericoloso e si esibisce in un paio di giocate da applausi fino al gol, bellissimo, con cui chiude definitivamente la partita;

Simeone (Fiorentina): il Cholito rialza subito la testa dopo le recenti polemiche e in 2′ porta già in vantaggio la Viola al Bentegodi. Sfiora la doppietta in più di un’occasione dimostrando di aver ritrovato la forma fisica; ora serve continuità.

FLOP

L’errore di Pulgar è costato al Bologna il gol del 2-0 (ph. YouTube)

Pulgar (Bologna): decisamente il peggiore del Bologna. Ingenuo, si fa ammonire nel primo tempo per un inutile fallo di mano. Poi, dopo aver voluto a tutti i costi calciare una punizione da oltre 30 metri, discutendo con il compagno Verdi, perde il pallone che costa il gol del 2-0 realizzato da Mertens e spegne ogni speranza rossoblu;

Bonucci (Milan): in 10′ il Milan crolla sotto il colpi della Lazio e l’ex pilastro bianconero non è esente da colpe: si dimentica Immobile sul secondo palo in occasione del gol del raddoppio; poi in contropiede, sempre contro lo scatenato attaccante campano, si fa saltare in maniera imbarazzante. Gemello brutto del giocatore visto negli ultimi anni;

Nicolas (Verona): impacciato e distratto, facilita il vantaggio di Simeone respingendogli il pallone sui piedi; sbaglia l’uscita franando su Chiesa in piena area di rigore e per finire subisce gol sotto le gambe da Gil Dias. Un pomeriggio da dimenticare.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *