In Serie A è caccia all’affare: per ora Inter al top


L’Inter è scatenata sul mercato in Serie A e ora tutte le altre sono a caccia di un colpo: Roma su Salah, Juventus su Zaza, Milan su Destro e Fiorentina su Gilardino

– di Marco Vigarani –

Shaqiri ha segnato la sua prima rete in maglia Inter (ph. Zimbio)

Shaqiri è la nuova stella dell’Inter (ph. Zimbio)

Il countdown verso la chiusura della finestra invernale del calciomercato segna ora dieci giorni esatti e finora in Serie A sono davvero pochi i club che hanno cercato di rinforzarsi con colpi importanti mentre invece la maggior parte si è limitata a sterili interessamenti che non hanno finora dato esiti concreti. L’Inter sta conducendo una campagna acquisti assolutamente importante ma tra le big nessuno sembra intenzionato a seguirla: solo la Sampdoria appare attiva e vivace.

Promossi – La regina assoluta del mercato finora è assolutamente l’Inter che ha già ufficializzato l’acquisto di titolari come Podolski e Shaqiri assicurandosi anche il talento croato Brozovic e muovendosi in anticipo per luglio sul difensore Murillo. Il presidente Thohir sembra finalmente essersi convinto a mettere mano al portafogli per non mandare al massacro anche il rientrante tecnico Mancini. Clamorosamente al secondo posto tra le squadre più attive troviamo la Sampdoria, impegnata soprattutto a rivoluzionare il proprio reparto offensivo con gli innesti di Correa, Muriel e soprattutto Eto’o che torna in Serie A dopo gli anni vincenti all’Inter. A livello quantitativo si sono dimostrate piuttosto attive anche Parma e Cagliari che stanno cercando di trovare una via d’uscita che consenta di salvare una stagione iniziata male e che potrebbe concludersi per entrambe con la retrocessione. In questa sezione trova posto di diritto anche il Napoli con gli acquisti mirati di Gabbiadini e Strinic.

Cerci ha svolto le visite mediche per il Milan (ph Milan)

Cerci è tornato in Italia dopo sei mesi (ph Milan)

Rimandati – L’altra metà di Milano apre la seconda fascia con il Milan che ha riportato in Italia Cerci e si è assicurato un giovane talento come Suso ma che continua ad ignorare le lacune difensive che rendono vano il lavoro dell’intera squadra: la tendenza non sembra destinata a cambiare visto l’interesse per il romanista Destro. Affascinante ma sbilanciato appare anche l’operato della Fiorentina che dopo Diamanti ha puntato anche sul ritorno di Gilardino per ricomporre la coppia nata a Bologna e vincente in Cina: per i viola però il reparto offensivo sembra debordante. Pinilla ed Emanuelson sembrano acquisti interessanti per l’Atalanta che però va così a sovraffollare reparti già piuttosto numerosi aumentando la competizione e rischiando così di creare pericolose tensioni mentre Costa e Niang non sembrano in grado di dare una particolare svolta alla stagione del Genoa. Si sono invece limitate al compitino Empoli e Torino, forse credendo di non correre particolari rischi nel girone di ritorno della Serie A.

Bocciati – Si trovano in compagnia nell’ultima fascia la prima e l’ultima della classe: Juventus e Cesena sono state completamente immobili. Se per i romagnoli la situazione economica sconsiglia spese, per i campioni in carica appare insolito questo immobilismo che potrebbe sbloccarsi nei prossimi giorni con il rientro di Zaza dal Sassuolo. Anche la Roma seconda in classifica per il momento non è riuscita ad assicurarsi calciatori in grado di rianimare le speranze tricolori anche se ora i giallorossi puntano forte su Salah del Chelsea. Fanno loro compagnia anche i cugini della Lazio che per ora hanno abbracciato solo il difensore Mauricio e non sembrano intenzionati a fare grandi acquisti per restare ai piani alti della Serie A. Se Verona e Torino si sono limitate ad un paio di ritocchi di scarsa importanza, la pancia piena e la sensazione di non aver più niente da chiedere al campionato sembra invece aver bloccato ogni velleità di Palermo, Udinese e Sassuolo.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *