Inter-Bologna 2-1, le pagelle


Mirante e i centrali di difesa rossoblù sugli scudi, a differenza di un centrocampo troppo stanco per poter combinare qualcosa. Brienza entra troppo tardi e accorcia le distanze, Floccari e Giak non incidono

– di Luigi Polce –

Mirante 6,5: sotto gli occhi del ct Conte, il portiere del Bologna sfodera una prestazione attenta e sicura. Sui due gol non può farci nulla

Mbaye 6: torna a San Siro da ex e non si scompone, tenendo bene il campo e proseguendo nel suo percorso di crescita graduale (59′ Zuniga 6: mezz’ora incoraggiante per il colombiano, certamente ancora lontano dalla forma migliore ma sulla buona strada. La sufficienza è d’incoraggiamento)

Gastaldello 6,5: sempre puntuale nelle chiusure, partita di livello la sua. Mezzo voto in meno del collega di reparto per la poca reattività in occasione del raddoppio di D’Ambrosio, che colpisce troppo solo con l’ex Samp che lo guarda a qualche metro di distanza

Grande prestazione di Maietta (ph. Schicchi)

Altra grande prestazione di Maietta con la maglia del Bologna (ph. Schicchi)

Maietta 7: il migliore del mese di febbraio, il migliore contro il Carpi e molto probabilmente anche il migliore questa sera: è in un periodo di forma straordinario, forse il migliore della sua carriera, prodigandosi in diverse chiusure da lode. Se la barca rossoblù non affonda grossi meriti sono i suoi

Masina 5,5: in evidente calo rispetto a qualche tempo fa, soffre parecchio nel primo tempo le sortite di Ljajic e Perisic facendosi superare spesso e volentieri. Leggermente meglio nella ripresa, ma non basta se pensiamo al Masina visto diverse settimane fa

Donsah 5,5: ha sul destro la prima occasione della partita e la spreca malamente, poi poca roba. Sulle gambe, non riesce a dare ausilio alla difesa e non è un caso che l’Inter attacchi spesso dalle sue parti, specie nella ripresa (79′ Brienza 6: un pallone toccato, un tiro, e un gol. Ma metterlo prima non serviva, giusto?)

Diawara 5: quando ha meritato è stato elogiato a dovere, ma dopo quasi un intero campionato di A giocato da titolare va segnalato anche quando non è in serata: evidentemente stanco, non riesce più a essere quel grande interprete delle due fasi che ci eravamo abituati a vedere, tiene inoltre in gioco Perisic in occasione del vantaggio nerazzurro. Un po’ di riposo potrebbe servire

 Brienza accorcia le distanze nel finale, ma non basta (ph. Schicchi)

Brienza accorcia le distanze nel finale, ma non basta (ph. Schicchi)

Taider 5,5: voglia ce ne mette, ma pasticcia troppo creando confusione e perdendo una quantità industriale di palloni

Rizzo 6: ha il merito di crederci fino alla fine, essendo uno dei pochi a mollare: prima una doppia conclusione rimpallata da Floccari e dalla difesa nerazzurra, poi l’assist intelligente per il gol di Brienza

Destro sv (17′ Floccari 5: il suo ingresso non porta benefici al Bologna. Vero che la squadra non lo assista troppo, ma lui non si fa vedere praticamente mai confermando che l’iniziale effetto positivo dell’ex Sassuolo sia ormai svanito)

Giaccherini 5,5: non combina niente di particolare, anche da lui è lecito aspettarsi qualcosa in più

All. Donadoni 5: insiste sullo stesso centrocampo e la scelta non lo ripaga, pecca anche nella lettura della partita inserendo Brienza a risultato ormai compromesso

Inter 6,5: altra buona prova dei nerazzurri, che fino alla rete di Brienza non soffrono praticamente mai giocando una partita anche di una discreta qualità. Si conferma un’altra squadra dopo la vittoria in coppa Italia contro la Juventus, la rincorsa alla Champions può proseguire

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *