Inzaghi, è la tua vittoria. La Lazio doma una Roma spenta e apatica e vola con Milinkovic-Immobile


Il riassunto della seconda semifinale di andata di Coppa Italia: la Lazio si impone 2-0 sulla Roma e torna a vincere un derby dopo quasi quattro anni

– di Tiziano De Santis –

L’esultanza di Ciro Immobile dopo il gol del raddoppio in Lazio-Roma 2-0 di Coppa Italia (ph. Ansa.it)

Nella sera del mercoledì ad attirare l’attenzione degli amanti del calcio è la seconda semifinale di andata di Coppa Italia: a sfidarsi, all’Olimpico, in un derby tutto da vivere sono la Lazio di Simone Inzaghi e la Roma di Luciano Spalletti. I giallorossi partono col piglio giusto rendendosi pericolosi dopo una manciata di secondi con Dzeko, la cui conclusione viene, però, deviata in corner. La fiammata di Parolo, poco dopo, sembra solo una goccia d’acqua nel deserto perchè la Roma è caparbia nel far girare il pallone e costringere i rivali alla difensiva: la parata di un attento Strakosha sul colpo di testa di Fazio ne è la prova. Le aquile cercano allora di rendersi pericolose in contropiede sfruttando le disattenzioni dei rivali in fase difensiva:  Alisson deve allungarsi per respingere l’incornata di Milinkovic in un primo momento e al 25′ viene nuovamente chiamato in causa per difendere i propri pali dal tiro di Immobile, ben liberato, a sua volta, da uno splendido colpo di tacco di Milinkovic. La Lazio cresce sempre di più e il gol è nell’aria: al 29′ Felipe Anderson riesce a tenere in campo un pallone difficile, vede l’inserimento di Milinkovic e lo serve; il serbo si rivela cinico davanti alla porta avversaria e insacca con un destro a mezza altezza per l’1-0 biancoceleste, firmando la sesta marcatura stagionale (la seconda in Coppa Italia). Dopo una manciata di secondi è Dzeko, dall’altra parte, ad avere la palla del pari ma il colpo di testa termina alto sopra la traversa. I primi 45 minuti non hanno nulla di più da raccontare, se non l’ammonizione di Parolo per un fallo su Nainggolan con conseguente diffida per la gara di ritorno. Nella ripresa la Roma entra sul terreno di gioco con un altro piglio, ma la Lazio si dimostra ancora concentrata nel difendere il vantaggio e cercare di far male agli avversari con delle ripartenze pungenti: al 59′ la combinazione tra Immobile e Anderson potrebbe portare a ben altro risultato se solo Parolo fosse più preciso nell’inquadrare la porta rivale. La risposta giallorossa non si fa attendere: Salah tenta l’affondo ma è il palo esterno a dirgli di no. A nulla serve l’ingresso in campo di Perotti al posto di Paredes perchè all’88’ Keita, subentrato ad Anderson, è determinato nell’accelerare sulla destra e lasciare sul posto Manolas: il senegalese dà uno sguardo al centro e offre a Immobile un pallone che deve solo essere messo dentro per il 2-0. L’ex-Toro non sbaglia e regala una vittoria meritata ai suoi grazie anche al grande intervento di Strakosha (in versione super), nel finale, su Emerson. I biancocelesti tornano a vincere un derby dopo quasi quattro anni, l’ultimo risale al 26 maggio 2013, nella finale di Coppa Italia marchiata dal gol di Lulic.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *