Israele blocca la Coppa Palestina, Al Ahli senza avversario


Disavventura per l’Al Ahli, avversario del Bologna a Castelrotto, che ha visto l’avversario bloccato da Israele e non ha potuto giocare la Coppa Palestina

– di Marco Vigarani – 

Fasi di gioco di Bologna-Al Ahli a Castelrotto  (ph. Bologna)

Fasi di gioco di Bologna-Al Ahli a Castelrotto (ph. Bologna)

Nel corso del ritiro di Castelrotto, il Bologna si è trovato a fare i conti per la prima volta nella sua storia con una formazione palestinese allenata dall’italiano Stefano Cusin. L’Al Ahli Hebron, considerato da tutti uno sparring partner curioso, si rivelò poi sul campo un avversario agguerrito e fisicamente all’altezza del compito che mise seriamente in difficoltà i rossoblù di Delio Rossi, salvati solo nel finale da un gol di Acquafresca. Domenica però i ragazzi in biancorosso hanno vissuto una disavventura che ha poco a che vedere con lo sport ma che potrebbe portare a grsvi ripercussioni a livello di politica calcistica. L’Al Ahli infatti avrebbe dovuto giocare la gara di ritorno valevole per la Coppa Palestina contro i rivali dello Shejaya Gaza per un’edizione decisamente attesa dal pubblico locale visto che si trattava della prima dal nuovo scoppio delle violenze nell’area risalente al 2000.

La gara però non si è mai svolta a causa del blocco imposto da Israele che avrebbe voluto trattenere quattro calciatori dello Shejaya per interrogarli per motivi di sicurezza spingendo l’intera dirigenza del club a non partire per la trasferta. Jibril Rajub, presidente della Federcalcio palestinese ha quindi motivato e giustificato questa scelta dicendo: “Il passaggio della frontiera di Gaza deve essere del tutto libero per qualsiasi giocatore in base alle regole della Fifa“. Questo incidente riapre una pagina di tensione sportiva e non solo tra le due fazioni con la possibilità che la federazione danneggiata palestinese rimetta mano alla richiesta formale di espulsione di Israele dalla massima organizzazione mondiale, paventata ma non attuata a fine maggio.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *