Italia a fatica sull’Islanda: così non si va avanti


L’Italia di Pianigiani vince 71-64 contro l’Islanda ma acuisce ulteriormente i dubbi sul lavoro del gruppo azzurro che oggi sembra impreparato all’appuntamento con l’Europeo

– di Marco Vigarani –

Alessandro Gentile è stato il miglior marcatore azzurro contro l'Islanda (ph. SkySport)

Alessandro Gentile è stato il miglior marcatore azzurro contro l’Islanda (ph. SkySport)

Stavolta c’è almeno una buona notizia proveniente dall’Europeo di basket: l’Italia ha vinto. Lo ha fatto contro la squadra più debole del girone e soffrendo tremendamente ma ce l’ha comunque fatta e resta quindi in corsa per la qualificazione anche se le prossime tre gare saranno difficilissime. Il 71-64 rifilato all’Islanda è però un secondo campanello d’allarme per un lavoro di costruzione e gestione del gruppo che il ct Pianigiani sembra aver clamorosamente fallito nonostante il tasso tecnico ed atletico assolutamente privilegiato a sua disposizione. Al termine dell’incontro proprio l’ex coach di Siena si è rifugiato dietro ad un risibile: “L’Islanda gioca un basket inusuale“. La realtà è che gli avversari si sono dimostrati ostici ma non insormontabili e che è stata l’Italia a fare e disfare il proprio lavoro sin dal primo quarto in particolare non contenendo mai l’uno contro uno nonostante il tasso tecnico inferiore degli islandesi che hanno recuperato subito un primo tentativo di fuga. Frustrata dall’infortunio a Datome ed offensivamente piegata dalla giornata moscia di Gallinari, la Nazionale azzurra ha chiesto gli straordinari a Gentile che però ha come sempre ecceduto nel protagonismo facendosi aiutare soltanto da un Belinelli piuttosto positivo anche a rimbalzo ma non dal fantasma di Bargnani. Cinciarini e Hackett hanno provato a regalare un nuovo discreto vantaggio all’Italia che però ha perso Gallinari per falli e si è vista recuperare nell’ultimo e decisivo periodo ringraziando qualche giocata offensiva di Aradori e difensiva di Melli che hanno evitato il peggio e consentito di mettere i primi punti nella classifica di EuroBasket 2015. Questa Italia ha le individualità per poter fare bene ma sembra che Pianigiani non sia affatto riuscito a trasformarle in una squadra: ne è dimostrazione la scarsa vena mostrata da tutti gli Azzurri in difesa. Con questa mentalità e questo spirito il passaggio del turno non rischia di essere, giustamente, solo un miraggio.

ITALIA-ISLANDA 71-64 (22-21, 41-37, 52-48)
ITALIA: Della Valle ne, Belinelli 12, Aradori 5, Gentile 21, Gallinari 4, Bargnani 5, Cusin 6, Datome 7, Melli 2, Cinciarini 4, Hackett 5, Polonara. Allenatore: Pianigiani.
ISLANDA: Hermannsson 4, Karason, Nathanaelsson, Sigurdason 7, Baeringsson 14, Stefansson 11, Magnusson, Vihjalmsson 5, Gunnarsson 4, Ermolinskij 2, Palsson 17, Steinarsson. Allenatore: Pedersen.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *