Italia avanti tutta in EL: promosse Lazio, Napoli e Fiorentina


L’Europa League prosegue con le tre italiane Lazio, Napoli e Fiorentina ancora in corsa. Bene le tedesche e le spagnole, Tottenham e Liverpool mentre sono fuori Monaco e Ajax

– di Marco Vigarani –

Dries Mertens è stato protagonista nel Napoli con una doppietta (ph. Zimbio)

Dries Mertens è stato protagonista nel Napoli con una doppietta (ph. Zimbio)

Dopo la doppia qualificazione di Roma e Juventus in Champions League, l’Italia completa la festa grazie ai risultati altrettanto positivi ottenuti da Lazio, Napoli e Fiorentina in Europa League. Anche la seconda competizione continentale vede avanzare tutte le squadre tricolore ancora in gara fino ai sedicesimi di finale. In particolare spicca sicuramente il percorso clamoroso del Napoli, capace di vincere tutte le gare del proprio girone concludendo con un 5-2 ai danni del Legia Varsavia impreziosito dalla doppietta di Mertens: gli uomini di Sarri hanno messo in mostra in queste settimane un attacco a dir poco temibile capace di infilare ben 22 gol alle spalle dei portieri avversari. Ha vinto l’ultima gara disponibile grazie ad un centro di Babacar anche la Fiorentina che ha superato con il minimo sforzo (e due traverse colpite) il Belenenses e si qualifica così come seconda nel girone nonostante il corposo turnover giustificato dalla prossima sfida di campionato a Torino contro la Juventus. Finisce invece 1-1 la trasferta della Lazio sul campo del Saint Etienne con Matri di nuovo in rete ed una quallificazione da imbattuti e primatisti del girone proprio sopra i transalpini: la formazione biancoceleste però deve continuare a mantenere la concentrazione per uscire davvero dalla crisi.

Prima tripletta in carriera per l'ex interista Lamela ai danni del Monaco (ph. Zimbio)

Prima tripletta in carriera per l’ex interista Lamela ai danni del Monaco (ph. Zimbio)

Protagonista felice per la qualificazione anche Okaka che con la sua rete ha consentito all’Anderlecht di passare il turno a differenza del Monaco di El Shaarawy e Raggi che ha subito invece una sonora sconfitta per 4-1 dal Tottenham, guidato dalla prima tripletta della carriera dell’ex interista Lamela. Scivolone indolore per il Borussia Dortmund, sconfitto all’ultima gara del girone ma comunque nel lotto delle future contendenti in compagnia del sorprendente Augusta che è riuscito a ribaltare il risultato dell’andata vincendo 3-1 a Belgrado per merito del suo bomber Bobadilla, finora capocannoniere della competizione a quota 6 in compagnia di Aduriz dell’Athletic Bilbao. Se sorridono Italia e Germania non può che imitarle appunto la Spagna che, complice la retrocessione di Siviglia e Valencia, avrà quattro rappresentanti ai sedicesimi di EL. È bastato un pareggio scialbo e senza reti al Liverpool di Klopp per andare avanti mentre invece masticano amaro le olandesi PSV ed Ajax, entrambe uscite in anticipo dall’Europa League dopo due inutili pareggi. Lunedì prossimo si proseguirà mediante sorteggio all’accoppiamento per il prossimo turno e sicuramente la Fiorentina sarà a forte rischio di brutte notizie essendo inserita in seconda fascia: le inglesi rinforzate dallo United proveniente dalla Champions sono una delle eventualità peggiori. Ecco come si presenta attualmente la suddivisione in due fasce:

Teste di serie: Molde, Liverpool, Krasnodar, Napoli, Rapid Vienna, Braga, Lazio, Lokomotiv Mosca, Basilea, Tottenham, Schalke, Athletic Bilbao, Porto, Olympiacos, Manchester United, Bayer Leverkusen.

Seconda fascia: Siviglia, Valencia, Galatasaray, Shakhtar Donetsk, Fenerbahce, Sion, Borussia Dortmund, Midtjylland, Villarreal, Marsiglia, St. Etienne, Sporting Lisbona, Fiorentina, Anderlecht, Sparta Praga, Augsburg.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *