Italia, batti l’Azerbaigian e strappa il pass per Euro 2016


Oggi alle 18 (ora italiana) la nazionale di Conte affronta in trasferta l’Azerbaigian: in caso di successo, la qualificazione ad Euro 2016 sarebbe aritmetica con una giornata di anticipo

– di Luigi Polce –

Conte e Chiellini prima della rifinitura di ieri: il difensore della Juventus decise l'andata con una doppietta (ph. zimbio)

Conte e Chiellini prima della rifinitura di ieri: il difensore della Juventus decise l’andata con una doppietta (ph. zimbio)

La Francia è ad un passo, quello stesso passo che l’Italia di Antonio Conte può compiere già da questa sera, quando alle 18 (ora italiana) affronterà l’Azerbaigian allo stadio Olimpico di Baku. Dovesse arrivare una vittoria contro gli azeri di Robert Prosinecki (che da quando ha sostituito Berti Vogts non ha mai perso in casa, stoppando Norvegia e Croazia), gli Azzurri sarebbero aritmeticamente certi di uno dei primi due posti nel girone H, che garantiscono un pass per Euro 2016. In più, per l’Italia sarebbe in discesa anche il discorso relativo alla prima piazza: nell’ultima sfida di Roma, basterebbe un punto contro la Norvegia. Una vittoria dunque che varrebbe doppio, e che l’Italia non può assolutamente farsi sfuggire. Vero che basterebbero anche due pareggi per conquistare la qualificazione, ma l’impresa non è impossibile e il primo posto nel raggruppamento cambierebbe le prospettive in ottica sorteggio.

Saranno affidate a Marco Verratti le chiavi del centrocampo azzurro (ph. zimbio)

Saranno affidate a Marco Verratti le chiavi del centrocampo azzurro (ph. zimbio)

Per cogliere l’importante successo, Antonio Conte dovrebbe confermare il modulo con il tridente, nonostante in settimana il tecnico ex Juventus avesse insistito molto sul 4-4-2, modulo tanto caro ai tempi della sua esperienza a Bari. Pochi dubbi in difesa, dove davanti a Buffon agiranno Darmian, Bonucci, Chiellini e De Sciglio. A centrocampo ci sarà Verratti in cabina di regia, visto il forfait di Pirlo nell’allenamento di ieri, con ai suoi lati Parolo e Florenzi. In avanti invece, Pellè fungerà da riferimento centrale mentre sugli esterni la scelta dovrebbe ricadere su Candeva ed Eder. Occhio però a Giovinco ed El Shaarawy, che scalpitano per una maglia da titolare. Esattamente un anno fa, Chiellini regalò i tre punti contro l’Azerbaigian con una doppietta – anche un autogol per lui -.

Italia (4-3-3): 1 Buffon, 2 Darmian, 19 Bonucci, 3 Chiellini, 4 De Sciglio, 18 Parolo, 20 Verratti, 16 Florenzi, 6 Candreva, 9 Pellè, 11 Eder.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *