Italia, contro la Germania largo ai giovani. Giak ancora dal 1′


Dopo l’1-1 contro la Spagna, Conte conferma il 3-4-3 per l’Italia lanciando in attacco il trio Bernardeschi-Zaza-Insigne. Giaccherini ancora titolare

– di Luigi Polce –

Federico+Bernardeschi+Italy+v+Spain+International+jh1ymyBzW94l

Dopo l’esordio contro la Spagna, Conte è pronto a lanciare Bernardeschi dal 1′ nella sua Italia (ph. zimbio)

Nell’immaginario collettivo, le sfide tra Italia e Germania rievocano nottate dolcissime. Come dimenticare la semifinale del 2006, quando l’Italia di Lippi ammutolì Dortmund e strappò il pass per la finale mondiale grazie ai gol di Grosso e Del Piero, poco prima di battere la Francia ai rigori e laurearsi campione del mondo per la quarta volta; sei anni dopo, un’altra semifinale fatale per i tedeschi, abbattuti da Balotelli nell’Europeo del 2012 con gli azzurri che furono poi sconfitti da una Spagna troppo superiore. Alla vigilia di una nuova edizione della rassegna continentale, ecco una nuova sfida che può significare parecchio: parliamo pur sempre di un’amichevole, ma è anche l’ultimo test prima delle convocazioni definitive di Antonio Conte, motivo per cui la gara contro gli attuali campioni del mondo dirà molto sulla rosa azzurra che vedremo in Francia la prossima estate. Dopo l’ottima prestazione offerta giovedì scorso contro la Spagna, una conferma aiuterebbe ad accrescere autostima e convinzione nei propri mezzi, andando a compattare ulteriormente un gruppo che comunque non si è disunito nonostante l’annuncio anticipato dell’addio del c.t.

La celebre esultanza di Balotelli nella semifinale di Euro 2012

La celebre esultanza di Balotelli nella semifinale di Euro 2012 tra Italia e Germania

All’Allianz Arena di Monaco, Conte è pronto a confermare il 3-4-3 visto contro la Spagna, cambiando pochi interpreti rispetto all’1-1 maturato contro gli iberici. Le novità più grandi riguarderanno il tridente offensivo, dove ci sarà spazio per Bernardeschi (’94), Zaza (’91) e Insigne (’91), già capaci di cambiare il volto dell’Italia contro De Gea e compagni e chiamati a far male alla Germania e dimostrare di avere tutte le capacità di potersi caricare la nazionale sulle loro (giovani) spalle. A centrocampo l’unica novità potrebbe essere rappresentata da Montolivo al posto di Parolo, accanto a Thiago Motta con Florenzi e Giaccherini confermatissimi sulle fasce, mentre in difesa il trio davanti a Gigi Buffon sarà composto da Darmian, Bonucci e Acerbi. La Germania, dal canto suo, si schiererà con un 4-2-3-1: lo juventino Khedira e Kroos a fare da schermo davanti alla difesa, Muller-Ozil-Schurrle alle spalle di Gotze in formato falso nueve. E’ solo un’amichevole, ma i ragazzi di Conte hanno tutta l’intenzione di migliorare un bilancio già positivo contro i tedeschi (15 vittorie, 10 pareggi e 7 ko) e soprattutto una imbattibilità azzurra che dura da oltre 20 anni.

Germania (4-2-3-1): Ter Stegen; Rudy, Mustafi, Hummels, Hector; Khedira, Kroos; Muller, Ozil, Schurrle; Gotze. A disp.: Trapp, Leno, Ginter; Can, Tah, Rudiger, Reus, Podolski, Volland, Gomez, Kramer, Draxler, Bellarabi. All.: Low
Italia (3-4-3): Buffon; Darmian, Bonucci, Acerbi; Florenzi, Montolivo, Thiago Motta, Giaccherini; Bernardeschi, Zaza, Insigne. A disp.: Sirigu, Perin, De Silvestri, Antonelli, Astori, Ranocchia, De Sciglio, Rugani, Jorginho, Parolo, Soriano, Candreva, El Shaarawy, Pellè, Eder, Okaka. All.: Conte.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *