Italia senza cambi e senza problemi: Albania ko a Palermo


L’Italia batte 2-0 l’Albania (De Rossi e Immobile in gol) in una gara che conferma la bontà del lavoro di Ventura. Sospensione temporanea per fumogeni

– di Marco Vigarani –

Il rigore di De Rossi ha portato in vantaggio l’Italia (ph. Zimbio)

Dopo la serata di Palermo c’è qualche certezza in più in casa azzurra ma anche il timore che quel processo di crescita evidentemente in corso possa essere bruscamente interrotto dalla prossima gara. Battere l’Albania ad inizio primavera è infatti ben diverso da giocarsela contro la Spagna dopo un’estate tra vacanze e ritiri. Per restare al presente però sono tanti i motivi che possono far sorridere il ct Ventura a partire dall’applicazione con cui i suoi ragazzi hanno interpretato il 4-2-4 per tutta la gara visto che si è scelto di non operare alcun cambio, una decisione che ha sorpreso e che non si verificava in gare ufficiali dal 1990. Anche la classifica del Girone G strappa decisamente un sorriso, nonostante lo spauracchio iberico, consegna all’Italia un secondo posto ormai blindato con annessa possibilità di giocarsi l’accesso ai prossimi Europei attraverso gli spareggi. Sul campo poi Marco Verratti è sempre più padrone di questa Nazionale e degno del 10 che porta sulle spalle mentre invece la difesa deve registrare meccanismi e tempi avendo comunque concesso qualche occasione di troppo all’Albania.

Fumogeni in campo e gara sospesa per 10 minuti a Palermo (ph. Zimbio)

Il primo pericolo della gara è infatti arrivato dalle parti di Buffon con un tiro di Çikalleshi ma dopo pochi minuti un fallo di Basha su Belotti ha permesso a De Rossi di presentarsi sul dischetto e portare in vantaggio gli Azzurri. Il gol però non ha sbloccato del tutto i ragazzi di Ventura che hanno faticato a prendere il controllo delle operazioni nella fase centrale del primo tempo trovando altre due buone conclusioni solo nel finale prima con un colpo di testa ancora di De Rossi e poi con una parata di Strakosha su Belotti. Dopo l’intervallo una nuova pausa inattesa a causa dei fumogeni lanciati in campo dai tifosi albanesi che ha costretto il direttore di gara a riportare i giocatori negli spogliatoi per una decina di minuti. Ora l’Albania rischia anche di dover giocare la prossima gara interna a porte chiuse a causa di questa idea non esattamente brillante dei suoi sostenitori. Alla ripresa delle ostilità poi l’Italia ha preso nettamente il controllo delle operazioni mettendo due volte Candreva nelle condizioni di segnare il raddoppio prima che fosse invece Immobile, su lancio di Zappacosta, a chiudere definitivamente le ostilità cun un bel pallonetto di testa.

Raddoppio siglato di testa da Immobile nella ripresa (ph. Zimbio)

Questo il pensiero a caldo del ct Ventura: “All’inizio c’era un po’ di voglia di fare e molta attenzione, forse ci è mancata la serenità e la fluidità necessaria. Nel secondo tempo, poi, siamo usciti bene e si è vista una Nazionale più bella. Considero quello di oggi un altro piccolo passo avanti verso la costruzione di qualcosa che potrà esaltante per l’Italia. Qui sta nascendo un gruppo vero: nonostante ci sono molti giocatori nuovi e tanti giovani, io vedo tutti i presupposti per fare qualcosa di bello per il futuro

Italia-Albania 2-0
Italia (4-2-4): Buffon; Zappacosta, Barzagli, Bonucci, De Sciglio; De Rossi, Verratti; Candreva, Belotti, Immobile, Insigne. All.: Ventura
Albania (4-5-1): Strakosha; Hysaj, Ajeti, Veseli, Agolli; Lila (22′ st Sadiku), Basha (43′ st Latifi), Kukeli, Memushaj, Roshi (35′ syt Grezda); Chikalleshi. All.: De Biasi
Arbitro: Vincic
Marcatori: 12′ rig. De Rossi, 25′ st Immobile (I)
Ammoniti: Memushaj, Agolli, Veseli, Roshi, Kukeli (A)

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *