Italia vincente anche a Malta, ma che fatica!


Gli Azzurri si aggiudicano anche la gara contro Malta per 1-0 grazie al gol di Pellè ma fanno molta fatica a produrre gioco ed occasioni nonostante il livello degli avversari

– di Marco Vigarani –

Graziano Pellè festeggia il gol all'esordio

Graziano Pellè festeggia il gol all’esordio

L’Italia di Antonio Conte centra la quarta vittoria in altrettante partite e la terza nella corsa alla qualificazione a Euro 2016 ma lo fa solo dopo una gara di grande difficoltà e sacrificio contro Malta, evidentemente inferiore ma generosa. Con Darmian centrale di destra, Candreva e Pasqual sugli esterni, Verratti in regia e Pellè in attacco, gli Azzurri appaiono per lunghi tratti lenti nella manovra e spenti nella costruzione del gioco e in avvio di gara rischiano addirittura di capitolare subito sul tiro di Failla. Questa piccola scossa aiuta i ragazzi di Conte a svegliarsi rendendosi subito pericolosi con una traversa di Pellè seguita da un palo di Chiellini prima che sia proprio l’esordiente attaccante del Southampton a firmare il vantaggio al 23esimo con un gol di rapina. Pochi minuti dopo le sorti dell’incontro sembrano favorire l’Italia visto che Malta resta in dieci uomini per l’espulsione del capitano Mifsud ma i padroni di casa appaiono ancora determinati e reattivi. In avvio di ripresa Immobile avrebbe l’occasione per chiudere la gara ma non capitalizza l’assist di Verratti e Conte appare piuttosto infastidito dalla prestazione dei suoi ragazzi chiedendo al subentrante Giovinco di accendere la luce. Poco prima della mezzora del secondo tempo però si torna in parità numerica a causa dell’espulsione di Bonucci che dona nuova linfa alle speranze di Malta che però non riesce a concretizzarle in azioni effettivamente pericolose. Nei minuti finali è Giovinco a rendersi pericoloso colpendo anche il palo, ma alla fine basta il gol di Pellè per mantenere il primo posto nel girone prima di presentarsi fra un mese al cospetto della Croazia.

Nel dopogara Antonio Conte guarda soprattutto al risultato affermando: “Abbiamo conquistato la terza vittoria nel girone ed è un risultato che deve darci fiducia e morale. Dovevamo sicuramente fare qualcosa di più in fase realizzativa, dobbiamo crescere soprattutto a livello di concretezza ma la classifica ci sorride. Dopo il disastro mondiale la situazione non era facile e non possiamo nasconderlo: sono qui per superare questo momento e non possiamo pensare di essere i più forti del mondo. Pensavate che bastasse un mese e mezzo a risolvere tutto? Anche a me sarebbe piaciuto fare qualcosa di più di una vittoria per 1-0 ma nelle ultime due gare abbiamo incontrato avversari che si preoccupavano soprattutto di non farci giocare“. Prende la parola anche il match winner, il debuttante Graziano Pellè che dice: “Sono già contento di essere arrivato a giocare in Nazionale a 29 anni. Ho anche fatto gol ma sono autocritico e consapevole che posso fare di più. Mi sono trovato bene con Immobile ma giocare contro squadre come Malta è difficile perchè stanno tutti chiusi dietro. Magari vincere contro l’Olanda aveva illuso ma quell’avversario giocava a viso aperto e non conosceva l’assetto della nuova Italia di Conte“.

Tabellino
Malta (3-5-2): Hogg; Agius, Camilleri, Alex Muscat; Paul Fenech, Mintoff (27′ st Baldacchino), Failla (45′ st Bezzina), Briffa, Rowen Muscat; Mifsud, Schembri (39′ st Cohen). All. Ghedin
Italia (3-5-2): Buffon; Darmian, Bonucci, Chiellini; Candreva, Florenzi (14′ st Aquilani), Verratti, Marchisio, Pasqual; Pellé (31′ st Ogbonna), Immobile (20′ st Giovinco). All. Conte
Arbitro: Hategan (Romania)
Marcatori: 23′ Pellé
Ammoniti: Briffa (M); Darmian (I)
Espulsi: Mifsud (M) Bonucci (I)

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *