Juve ko a Roma, Jovetic salva l’Inter. Lazio, che scoppola!


La seconda giornata di Serie A regala una classifica inaspettata: tra le big corre solo l’Inter, la Juve perde a Roma e resta ancora a zero punti. Brutta sconfitta per la Lazio mentre il Napoli fatica ancora. Primi punti per il Milan di Mihajlovic

– di Luigi Polce –

La provincia al potere. E’ questo il verdetto dopo la seconda giornata di serie A, che regala una classifica difficilmente pronosticabile alla vigilia. Insieme all’Inter, l’unica “big” a punteggio pieno, in testa infatti ci sono Sassuolo, Chievo, Palermo e Torino, con la Juventus incredibilmente ancora ferma a quota zero.

Il gol di Luiz Adriano, che regala i primi tre punti al Milan (ph. Zimbio)

Il gol di Luiz Adriano, che regala i primi tre punti al Milan (ph. Zimbio)

Ma andiamo con ordine e partiamo dai risultati del sabato: detto della sconfitta del Bologna contro il Sassuolo (1-0 firmato Floro Flores), nel secondo anticipo il nuovo Milan di Mihajlovic soffre parecchio a San Siro contro un Empoli in palla, che rimonta con l’ex Saponara l’iniziale vantaggio di Carlos Bacca, ben assistito nell’occasione di Luiz Adriano. E’ proprio l’attaccante brasiliano ex Shakhtar, nel secondo tempo, a trovare l’inzuccata vincente direttamente da corner, scacciando i fantasmi che già iniziavano ad aleggiare sulle teste dei giocatori rossoneri. Niente esordio-bis per Mario Balotelli, in panchina per tutti i 90’.

Lo stacco imperioso di Edin Dzeko, che sovrasta Chiellini e fa 2-0 per la Roma (ph. Zimbio)

Lo stacco imperioso di Edin Dzeko, che sovrasta Chiellini e fa 2-0 per la Roma (ph. Zimbio)

Domenica scoppiettante che si apre con il big match Roma-Juventus. I giallorossi partono forte e schiacchiano la Juventus, la quale dimostra di soffrire le tante assenze e un centrocampo che con Sturaro e soprattutto Padoin in cabina di regia non dà le adeguate garanzie. La Roma mette in mostra tutti i suoi nuovi acquisti (ottime le prove di Digne, Dzeko e soprattutto Iago Falquè), ma sblocca la gara con una punizione magistrale di Miralem Pjanic, che disegna un tracciante che Buffon può solo guardare insaccarsi in rete. La squadra di Allegri fatica ad imbastire una reazione, Evra prende due gialli in tre minuti lasciando i suoi in dieci, e i ragazzi di Garcia raddoppiano con l’altro bosniaco, Edin Dzeko: l’ex City sovrasta Chiellini e di testa mette il pallone in buca d’angolo, mandando in estasi l’Olimpico. Reazione rabbiosa dei bianconeri negli ultimi minuti: Dybala raccoglie l’assist di Pereyra e sigla l’1-2, poi serve una prodezza di Szczesny per neutralizzare il colpo di testa di Bonucci, vicino al clamoroso pareggio, alla fine solamente sfiorato. Vince la Roma, la Juventus non era mai partita così male nella sua storia.

Paloschi e Meggiorini, protagonisti nel clamoroso 4-0 del Chievo sulla Lazio (ph. Zimbio)

Paloschi e Meggiorini, protagonisti nel clamoroso 4-0 del Chievo sulla Lazio (ph. Zimbio)

In serata le altre gare: l’Inter soffre più del dovuto a Modena contro il Carpi, ma passa in extremis grazie ad un rigore di Stevan Jovetic, ancora decisivo con una doppietta (2-1 il finale). Tonfo clamoroso della Lazio, che dopo l’eliminazione dalla Champions ne prende 4 dal Chievo: segnano Meggiorini, Paloschi (2) e Birsa, da vedere e rivedere l’assist di Riccardo Meggiorini per il secondo gol dei suoi con un tacco volante in scivolata, una roba alla Zlatan Ibrahimovic tanto per intenderci. In testa, come detto, anche il Torino, che rimonta la Fiorentina (avanti ancora con Marcos Alonso, che poi va ad esultare sotto la Maratona imitando il gesto del torero) grazie alle reti di Moretti, Quagliarella e Baselli, e il Palermo corsaro ad Udine grazie all’inzuccata di Rigoni. Il Napoli di Sarri invece fa ancora fatica, e dopo un primo tempo praticamente perfetto chiuso sul doppio vantaggio (doppio Higuain), sparisce nella ripresa favorendo il ritorno della Sampdoria, la quale pareggia con una doppietta di Eder e poi rischia addirittura di vincerla, quando Muriel si vede negare la gioia del gol da un super Reina, che con la punta delle dita manda il tiro del colombiano a sbattere contro la traversa. Primi punti, infine, per Atalanta e Genoa, che con un netto 2-0 regolano rispettivamente Frosinone e Verona.

Risultati:

Bologna-Sassuolo 0-1

Milan-Empoli 2-1

Roma-Juventus 2-1

Atalanta-Frosinone 2-0

Carpi – Inter 1-2

Chievo-Lazio 4-0

Genoa-Verona 2-0

Napoli-Sampdoria 2-2

Torino-Fiorentina 3-1

Udinese-Palermo 0-1

Classifica:

Chievo, Sassuolo, Torino, Inter e Palermo 6 punti; Roma e Sampdoria 4; Atalanta, Milan, Lazio, Fiorentina, Udinese e Genoa 3; Napoli e Verona 1; Carpi, Bologna, Juventus, Frosinone ed Empoli 0.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *