Karamoh risveglia l’Inter; Masina e Mbaye reazioni ingiustificate


Top e Flop della 24^ giornata di Serie A 2017-18

– di Francesco Ferrari –

TOP

Karamoh ha segnato la rete più bella della giornata e consegnato i tre punti all’Inter (ph.Zimbio.com)

Karamoh (Inter): la rete con cui decide la gara è da vedere e rivedere: bellissimo il dribbling nello stretto con cui si libera di due avversari per poi concludere a rete con un sinistro a giro imparabile. Resta in campo per oltre 70′, dimostrando di poter essere un concorrente non da poco per la titolarità della fascia; Candreva è avvertito;

Under (Roma): due reti pesanti e di bellissima fattura per il giovane esterno turco: in molti lo avevano paragonato scherzosamente a Dybala per la sua somiglianza ma con lineamenti meno perfetti; ora queste persone dovranno trovare un’accostamento degno anche delle sue giocate;

Zielinski (Napoli): entra ed ammazza la gara contro la Lazio. Sua la fortunata deviazione decisiva che porta alla rete del 3-1 sul tiro di Mario Rui; suo il bellissimo assist per la rete di Mertens, un tocco di rara bellezza.

FLOP

Masina è stato colpevole insieme a Mbaye di un bruttissimo fallo di reaizone, meritevole del rosso diretto (ph. Zimbio)

Mbaye & Masina (Bologna): i due terzini rossoblu si fanno cacciare in maniera davvero ingenua: il primo, subito dopo essere stato ammonito, entra a gamba tesa sull’avversario meritandosi il secondo giallo e doccia anticipata; Masina invece viene allontanato dopo il consulto con il VAR che evidenzia un’entrata killer ai danni di Lisandro Lopez, fortunato a non riportare danni seri. Due reazioni tanto stupide quanto ingiustificate che sottolineano quanto lo spogliatoio del Bologna sia tutt’altro che tranquillo e rilassato; per informazioni chiedere a Mattia Destro;

Wallace (Lazio): l’autorete che commette è davvero goffa ed inspiegabile, tanto da generare nei più maligni l’ipotesi di combine; da cui mi dissocio. L’intervento con cui anticipa Strakosha è tanto istintivo quanto goffo, ed è un chiaro problema di comunicazione tra portiere e difensore. Da lì in poi la Lazio scompare dal campo.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *