L’Atalanta si ferma a un passo dal sogno. Avanti Lazio e Milan. Il Napoli si sveglia tardi


I bergamaschi subiscono il gol che li elimina a 7′ dalla fine. Lazio e Milan vittoriose e agli ottavi. Il Napoli ci prova in Germania, ma non bastano Zielinski e Insigne per evitare l’eliminazione

– di Calogero Destro –

Il “Papu” Gomez, ha sprecato la chance per il 2-0 dell’Atalanta

Un’Italia davanti agli schermi a tifare Atalanta. La più bella favola del calcio azzurro nell’annata europea, spezzato, però, da un Borussia Dortmund superiore al netto del doppio confronto, e cinico al punto giusto nella gara dell’Atleti Azzurri d’Italia. Capace, soprattutto, di approfittare della decisiva incertezza di Berisha, punito da sotto misura da Schmelzer per 1-1 all’83’, che vanificava il gol di Toloi nel primo tempo e una prestazione di squadra solidissima. Tanti rimpianti per la “Dea”, che saluta la competizione a testa altissima ma rimugina per l’occasione sprecata dal “Papu Gomez a tu per tu con Burki pochi minuti prima del pareggio giallonero.

Simone Inzaghi ha invece imparato la lezione. Dopo l’1-0 subito in Romania con la squadra B, infatti, l’allenatore capitolino schiera la migliore delle formazioni possibili per rimontare la Steaua nel ritorno dell’Olimpico. E Immobile risponde subito presente, siglando il vantaggio biancoceleste al 7′ che

Ciro Immobile, trascinatore della Lazio con una tripletta (ph.zimbio)

rimette tutto in equilibrio. L’attaccante di Torre Annunziata trascina dunque i suoi agli ottavi con una tripletta, mentre Bastos e Felipe Anderson rendono il punteggio ancor più rotondo (Per i romeni gol della bandiera firmato Ghohore). Un 5-1 che proietta la truppa di Inzaghi fra le potenziali ousider per la vittoria della competizione. Tra le quali invece non ci sarà il Napoli. Dopo il 3-1 patito al San Paolo i partenopei non riescono infatti nell’impresa, nonostante Sarri proponga due terzi del tridente titolare (Callejon dalla panchina) e un turnover di molto ridotto rispetto alla gara d’andata. Un gol per tempo (33′ Zielinski, 86′ Insigne) avvicina gli azzurri al passaggio del turno e illude i tifosi campani, ma non basta ad eliminare i tedeschi del Lipsia, che volano dunque agli ottavi.

Tutto facile per il Milan di Gattuso, che schiera Borini, Andrè Silva e Cutrone di punta per completare una formazione di molto rimaneggiata dopo il 3-0 in Bulgaria che lasciava dormire i rossoneri sonni tranquilli. Ed è Borini, che al 24′, piazza la zampata vincente su assist di Cutrone, blindando una volta di più il discorso qualificazione. I rossoneri sono la seconda (ed ultima) qualificata gli ottavi di Europa League, che mantiene vive le residue speranze di Champions dei lombardi.

Questo il quadro completo delle qualificate agli ottavi di finale di EL:

Arsenal, Dortmund, Athletic Bilbao, Marsiglia, Milan, Lazio, Salisburgo, Atletico Madrid, Dynamo Kiev, Plzen, Lipsia, Sporting Lisbona, Lione, Zenit, Lokomotiv Mosca,

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *