La dura legge degli ex: Diamanti punisce il Bologna


Un gol e un assist per Diamanti contro la sua ex squadra regalano tre punti all’Atalanta. In panchina risultati poco felici per Donadoni, Miha e Novellino

– di Luigi Polce –

Nel gioco del calcio c’è una regola non scritta, una delle tante, che rende questo sport crudele, affascinante e unico allo stesso tempo. Parliamo, ovviamente, del classico “gol dell’ex”: libidine per i tifosi che ne beneficiano, rabbia e magari pure rimpianto per coloro che invece ne subiscono gli effetti. In quella che ormai è ufficialmente diventata una nostra rubrica, andiamo a vedere che applicazione ha trovato la suddetta regola nel turno di serie A che ci siamo appena messi alle spalle.

Un giovane Donadoni con la maglia dell'Atalanta (ph. bergamopost)

Un giovane Donadoni con la maglia dell’Atalanta (ph. bergamopost)

Nella puntata odierna tutto lo spazio è dedicato all’ex forse più atteso di questo turno, ovvero Alessandro Diamanti, che ritrova il Bologna dopo più di due anni dal suo addio firmando un gol e un assist preziosi per la sua Atalanta, tornata alla vittoria che mancava dal 6 dicembre. Il primo gol in questo campionato non è stato festeggiato da Alino, in segno di rispetto per quei tifosi che lo hanno visto anche indossare la fascia di capitano in rossoblù, per un totale di 19 reti in 89 presenze. Sicuramente i supporters felsinei non saranno rimasti contenti del ko e del gol di Diamanti, così come non lo è stato Donadoni che cade nella sua Bergamo, città nella quale è cresciuto calcisticamente e ha trascorso le prime quattro stagioni da professionista: 96 partite e 5 reti dal 1982 al 1986, prima di spiccare il volo destinazione Milan. Oltre a lui, altri due tecnici hanno avuto modo di affrontare un pezzo del proprio passato: parliamo di Novellino e Mihajlovic, che hanno pareggiato rispettivamente contro Empoli (squadra con la quale il tecnico del Palermo disputò la stagione 1974-75) e Lazio, l’esperienza più lunga del Sinisa calciatore con ben 20 reti in 126 presenze dal 1998 al 2004.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *