La dura legge degli ex: si salva solo Mihajlovic


 In una giornata priva di gol da parte degli ex, sulle panchine la situazione è stata ai limiti del tragico: Delneri e Stellone ko, mentre Mihajlovic salva la sua panchina al Milan

– di Luigi Polce –

Nel gioco del calcio c’è una regola non scritta, una delle tante, che rende questo sport crudele, affascinante e unico allo stesso tempo. Parliamo, ovviamente, del classico “gol dell’ex”: libidine per i tifosi che ne beneficiano, rabbia e magari pure rimpianto per coloro che invece ne subiscono gli effetti. In quella che ormai è ufficialmente diventata una nostra rubrica, andiamo a vedere che applicazione ha trovato la suddetta regola nel turno di serie A che ci siamo appena messi alle spalle.

Ko pesante per Stellone contro il Napoli, dove giocò tra il 1999 e il 2003 (ph. zimbio)

Ko pesante per Stellone contro il Napoli, dove giocò tra il 1999 e il 2003 (ph. zimbio)

In realtà l’ultima giornata del girone di andata è stata avara per il nostro consueto appuntamento. Non essendoci stati gol da parte degli ex in campo, passiamo dunque a vedere cosa è successo sulle panchine. Gigi Delneri ha visto il suo Verona affondare anche contro il Palermo, squadra che il tecnico di Aquileia allenò nella stagione 2005-06 con modesti risultati (avventura durata fino a gennaio). I rosanero hanno vinto grazie al gol di Vazquez, che lascia il Verona sempre più in ultima posizione con ancora zero vittorie all’attivo. Risultati agrodolci invece per quanto riguarda altri due tecnici che hanno sfidato quello che è stato il loro passato da calciatori: Mihajlovic ha salvato la panchina col pareggio del Milan contro la Roma (54 presenze e un gol tra il 1992 e il 1994), inguaiando invece il collega Rudi Garcia, ad un passo dall’esonero; il Frosinone di Stellone è invece stato travolto dal Napoli campione d’inverno, squadra in cui l’allenatore frusinate ha messo a segno ben 30 reti in 90 presenze complessive tra il 1999 e il 2003.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *