La Fortitudo domina Legnano e risorge


La Fortitudo torna al successo liquidando Legnano. Ottima prova di Daniel all’esordio, ma l’intensità con cui ha girato la squadra è stata la chiave della vittoria per 93-71

– di Massimo Righi –

Ed Daniel ha segnato 18 punti all'esordio contro Legnano

Ed Daniel ha segnato 18 punti all’esordio contro Legnano

Torna al successo la Fortitudo e lo fa a casa propria, al PalaDozza, dopo aver scontato la squalifica del campo in esilio a Rimini. Nonostante l’ampio divario finale, tutto il primo tempo è stata una battaglia con gli ospiti a giocarsela alla pari con i padroni di casa, salvo poi calare nella ripresa davanti alle barricate difensive bolognesi e alla verve dei due americani. Daniel, all’esordio ha chiuso con 18 punti e 9 rimbalzi, mentre Flowers ha scritto 20 punti. Unica nota storta le troppe palle perse, ma a controbilanciare c’è il dominio a rimbalzo, 37 a 20 per Bologna. A far festa in parterre, si sono uniti anche i rossoblù Giaccherini, Destro e Mbaye, freschi del successo pomeridiano sull’Atalanta.

Pronti via, la Fortitudo cerca subito l’allungo e vola via rapida, ma Legnano non sta a guardare e risponde senza tremare. Si va avanti a colpi alterni, con Bologna che smania per prendere il volo ma il primo quarto è una bagarre e la spunta solo all’ultimo tiro con Montano, che firma il 20-18 sulla sirena. Per Matteo, neo laureato in economia, sarà il solo acuto della partita visto anche il rientro dall’infortunio. E mentre come al solito Boniciolli ruota i suoi uomini, la Fortitudo in campo continua a duellare con i lombardi. Gli ospiti, approfittando di alcune palle mal gestite dall’Aquila, si portano avanti mettendo in agitazione il coach biancoblù che predica maggiore attenzione. Bologna ricuce ma Legnano non molla, trascinata da Raivio ed al riposo lungo è 36-38 ospite.

Dopo il the c’è una fiammata lombarda, ma pian piano la Fortitudo esce dal guscio e inizia ad armare gli arcieri. Difesa e transizione riportano Bologna avanti annullando Legnano che affonda lentamente davanti alle dirompenti iniziative degli uomini di Boniciolli che vedono Raucci arpionare palloni, Daniel a dominare sotto le plance e Carraretto a infilare cesti dall’arco. Al termine del terzo quarto si è sul 59-48 per Bologna. Fisicamente la Fortitudo non si tiene e Legnano sparisce sempre più, eccetto per qualche sussulto d’orgoglio, ma la partita è ormai segnata perché Bologna gioca con facilità sulle ali dell’entusiasmo, arrivando a polverizzare ogni nuovo massimo vantaggio. Nel finale c’è spazio anche per i giovani Campogrande e Lucchetta, che farà anche 1 su 2 dalla lunetta. Il sipario si chiude sul 93-71.

Fortitudo 93: Daniel 18; Quaglia; Candi 8; Lucchetta 1; Iannilli 7; Campogrande; Montano 2; Sorrentino; Raucci 10; Carraretto 16; Flowers 20; Italiano 11. All. Boniciolli

Legnano 71: Navarini 5; Allodi; Guidi; Maiocco; Frassineti 12; Rinke; Palermo 10; Martini 8; Sacchettini; Pacher 14; Raivio 22; Toia. All. Ferrari

Classifica:
Treviso 10, Mantova, Brescia 8, Imola, Verona 6, Ravenna, Chieti, Roseto, Jesi, Trieste, Legnano,  Treviglio, Ferrara, Bologna 4, Recanati, Matera 2

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *