La Fortitudo rimonta e batte Montichiari


Vittoria sudata in rimonta per la Fortitudo che batte Montichiari dopo una partita nervosissima. È stata la vittoria del gruppo che nei momenti topici è stato aiutato dai singoli

– di Massimo Righi –

Fasi di gioco fra Fortitudo e Montichiari

Fasi di gioco fra Fortitudo e Montichiari

Vince in rimonta la Fortitudo che mostra carattere e voglia di portare a casa il risultato contro Montichiari, staccandola di due punti in classifica senza però riuscire a ribaltare il parziale dell’andata. La chiave di volta del match è stata la difesa arcigna di Bologna che, unitamente al prezioso lavoro del collettivo nonostante il gran numero di falli che ha gravato sugli uomini chiave, ha rimontato una partita che pareva volgere verso binari ben diversi.

L’avvio dei biancoblù non è affatto dei migliori con l’ex Virtus Bonfiglio che pare letteralmente imprendibile e la Fortitudo sprofonda verso un allarmante -14. L’attacco non gira, la difesa barcolla e allora Boniciolli cerca di scuotere i suoi fra time-out e rotazioni. Un po’ d’aiuto arriva da Montano anche se la distanza a fine primo quarto è ancora siderale: 8-19. Dopo il mini break la Effe pare ridestata, almeno difensivamente e con tanta pazienza Bologna rosicchia lo svantaggio anche grazie alla buona mano del solito Montano che trascina i suoi verso la luce. Ciononostante il sorpasso è rinviato e all’intervallo lungo, Montichiari comanda 41-46.

Al rientro sul parquet, la Fortitudo spazza via le nubi con un 7-0 mortifero che manda per la prima volta avanti i padroni di casa, sancito da una bomba di Sorrentino. Montichiari non molla e nella marea di falli che vengono fischiati, Montano arriva già a quota 4. Un po’ prestino. I nervi saltano da ambo le parti, gli arbitri fischiano a ripetizione e sul finire di quarto, dopo un antisportivo fischiato a Sorrentino, Montichiari rimette la punta del naso avanti, a fatica, chiudendo sul 58-59. Nell’ultimo tempo Montano dura solo 3’ ma Bologna si stringe attorno al cuore e alle mani del baby Candi che guida la Effe al +6, poi anche Iannilli da sotto le plance dà il proprio contributo. Di lì a poco anche Sorrentino e Candi commettono il 5° fallo e senza play, Bologna soffre e Montichiari si riporta avanti di uno, ricucendo quel divario ripristinato poc’anzi. A chi aggrapparsi ora? A Lamma e Samoggia che nel finale salgono in cattedra e mettono punti di platino davanti agli errori degli ospiti che non riescono a pareggiare, venendo superati di 5 punti nel finale. Si chiude 76-71, sull’ultima sirena liberatoria.

Le parole di coach Boniciolli: “Complimenti a Montichiari che ha fatto una partita formidabile. Per quanto riguarda noi, so cosa possiamo fare quando siamo nella merda. Ho detto ai ragazzi che le partite saranno sempre così, andiamo a casa con la certezza e la sicurezza sapere cosa fare quando gli altri fanno sempre canestro. Ora due giorni di riposo meritati, poi cercheremo di vincere a Milano in vista di due settimane di sosta e dei playoff. Oggi, due giocatori chiave per l’interpretazione del loro ruolo, sono stati Samoggia, che ha capito cosa ci voleva e l’ha fatto, l’altro è Raucci, che ha fatto tutto quello che serviva, compreso l’ultimo rimbalzo nel traffico. Ci ha detto che ci avrebbe pensato lui e ha limitato Bonfiglio che non ha più visto palla”.

Eternedile 76: Candi 11, Valentini, Lamma 4, Iannilli 10, Samoggia 2, Montano 21, Sorrentino 12, Raucci 4, Carraretto 10, Italiano 2. All. Boniciolli

Contadi Castaldi 71: De Ruvo 6, Stojkov 6, Cazzaniga 5, Marconato 2, Perego 11, Caroli, Genovese 9, Infanti 3, Scanzi 11, Bonfiglio 18. All. Cadeo

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *