La Fortitudo seppellisce Matera sotto 44 punti


La Fortitudo stravince la sfida con l’ultima in classifica rifilandole 44 punti di scarto. Boniciolli ruota i suoi e tiene seduto Amoroso, mentre Lestini viene canzonato e fischiato

– di Massimo Righi –

Fortitudo-Matera, fasi di gioco

Fortitudo-Matera, fasi di gioco

Fortitudo contro Matera finisce per essere una sorta di scrimmage infrasettimanale, tipo quelli che si organizzano quando occorre sgambare. La partita è finita, per dirla in soldoni, tanto a poco con la Fortitudo a banchettare sui resti di un avversario pressoché inesistente, mandando a canestro i baby e approfittando per non schierare Valerio Amoroso, ancora alla ricerca della perfetta forma fisica. Per quanto riguarda Lestini, dopo le polemiche settimanali, la strada scelta dai tifosi bolognesi è stata quella dell’annullamento della raccolta fondi per pagare l’eventuale multa per i potenziali cori verso il giocatore, sostituita da un cartellone in Curva Calori con 60 biglietti d’ingresso al match e la scritta “22 € X 60 = 1320 euro”, tradotto: multa pagata. Per il resto, fischi a parte, tanti i cori canzonatori del tipo “Lestini in nazionale” e simili. Insomma, ha vinto l’ironia.

La partita è stato un trionfo per Bologna e una lunga agonia per Matera, sprofondata subito sul 27-8 a fine primo quarto. Sia chiaro, la Fortitudo ha i suoi meriti ma gli ospiti sono stati pressoché nulli. Fatto sta che si capisce sin dalle prime battute che Bologna avrà vita facile e allora Boniciolli ruota i suoi, approfittando per dare minuti a coloro che hanno avuto meno spazio. Il divario si allarga con l’apporto di tutti e diventa un gioco a chi fa più bottino al punto che a fine partita, saranno ben sei i fortitudini arrivati alla doppia cifra, fra i quali spunta Campogrande autore di ben 10 punti. All’intervallo si chiude sul 55-24.

Il secondo tempo è un enorme garbage time, con la Fortitudo a distribuire punti a tutti come quando dal carro di carnevale si buttano palloni e giocattoli ai bimbi festanti in strada. E mentre si superano anche i 50 punti di massimo vantaggio, una delegazione del tifo di casa si sposta nel settore ospiti per festeggiare ulteriormente la scorpacciata in essere. Nel bel mezzo del trionfo bolognese c’è ancora spazio per qualche mania di protagonismo targata Hubalek, poi la gara si esaurisce sul 94-50.

Fortitudo 94: Daniel 9, Rovatti 2, Quaglia 1, Candi 10, Campogrande 10, Montano 11, Sorrentino 2, Raucci 6, Carraretto 14, Amoroso ne, Flowers 17, Italiano 12. All. Boniciolli

Matera 50: Chase 6, Mastrangelo 6, Corral 12, Cantagalli 7, Santarsia, Lestini 5, Bertocco 2, Loperfido, Zaharie, Hubalek 12. All. Ponticiello

Classifica: Treviso, Mantova 32, Brescia, Imola 30, Roseto 26, Verona, Bologna, Ravenna 24, Treviglio, Trieste 22, Ferrara 20, Chieti 18, Jesi, Legnano 14, Recanati 8, Matera 6.

(Legnano, Roseto, Brescia, Verona, Jesi, Ferrara, una partita in meno)

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *