La Fortitudo vince a Montichiari e approda alle Final Four


La Fortitudo chiude i playoff imbattuta liquidando anche Montichiari e approda così alle Final Four di Forlì dove si giocherà la promozione in serie A2. Al PalaGeorge invaso dai tifosi bolognesi, l’Aquila ha la meglio in un finale punto a punto

– di Massimo Righi –

Iannilli e Italiano

Iannilli e Italiano si abbracciano (ph. Fortitudo)

È stato un vero tourbillon di emozioni il finale di Montichiari-Fortitudo, decisa agli sgoccioli grazie a capitan Lamma, freddo come un killer ai liberi. La sfanga dunque l’Aquila, che torna in quella Forlì che nel 2010 fu teatro di gioia per la promozione conquistata contro i locali, ma subito stroncata dal fallimento che fece cadere i sogni dei tifosi in anni di oblio e interrogativi. Il cerchio si è chiuso e la Fortitudo torna sullo stesso parquet per giocarsi nuovamente la A2. Ma i vincitori sono sempre i tifosi biancoblù, accorsi in quasi 800 al PalaGeorge a sostenere la squadra regalando un colpo d’occhio commovente.

Boniciolli deve fare a meno di Samoggia infortunato e questo forfait regala minuti al baby Lenti, portato e ruotato nei dieci. Si parte e Carraretto da tre seguito da Iannilli piazza un 5-0 subito riacciuffato in contro break. Montichiari però fatica parecchio davanti alla difesa della Fortitudo che chiude bene e laddove non lo faccia, ci pensa la mira storta dei padroni di casa. Montano dà la scossa con 5 punti filati, poi Boniciolli mette Candi e Lenti assieme e i due giovanotti che rispondono presente aiutando tanto, soprattutto dietro. Montichiari rimane in scia con la bomba di Infanti, ma la Effe chiude avanti 10-14 i primi 10’. Si continua con la Effe ad allungare a +8 con Montano e Italiano, di là Montichiari non ci prende nemmeno in una vasca per diversi minuti. Bologna non approfitta e sul +2 allunga nuovamente con 4 liberi filati di Sorrentino. Con un po’ di buona difesa, nonostante le 13 palle perse, la Fortitudo chiude avanti il primo tempo 18-28.

Il rientro in campo però è tremendo. Montichiari piazza un 12-2 di parziale che significa parità. La Fortitudo arranca, Montano non brilla in regia e i padroni di casa arrivano anche a sorpassare sul 38-37 e ad allungare a +5, vanificando il pareggio di Lamma a quota 40. La magia del basket però è sempre dietro l’angolo, così come il braccio armato di Carraretto che con una bomba pesantissima dall’angolo riapre i giochi. Montichiari senta la pressione e spara a salve le proprie cartucce. Si inizia ad andare in lunetta e a cercare il fallo, la palla pesa troppo. Si viaggia a braccetto finché Montichiari non molla e perde un pallone tremendo che permette alla Fortitudo di allungare con Lamma, che ai liberi mette la Effe sulla strada giusta. Dopodiché Scanzi fa 2 su 2 dall’altra parte e Montano lo imita: 54-51. Manca pochissimo, Montichiari non impatta e Bologna la chiude sul 56-51.

Contadi Castaldi Montichiari 51: De Ruvo 2 , Stojkov, Cazzaniga 2, Marconato 6, Perego 9, Genovese, Infanti 5, Cazzolato 6, Scanzi 10, Bonfiglio 11. All. Cadeo

Fortitudo Eternedile 56: Candi 4, Valentini, Lamma 9, Iannilli 8, Montano 14, Sorrentino 4, Lenti, Raucci, Carraretto 9, Italiano 8. All. Boniciolli

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *