La Lazio in Champions. Notte amara per Higuain


Top e Flop della 38^ giornata di Serie A

– di Francesco Ferrari –

TOP

Ogenyi Onazi ha segnato la rete del 3-2 dopo 2' dal suo ingresso in campo

Ogenyi Onazi ha segnato la rete del 3-2 dopo 2′ dal suo ingresso in campo

Onazi (Lazio): entrato in campo da appena 2′ per sostituire l’esausto Cataldi, il centrocampista nigeriano è bravissimo a sfruttare al meglio una deviazione di Maggio in scivolata per segnare una rete importantissima, che permette alla Lazio di terminare la gara in discesa e guadagnarsi l’accesso ai preliminari di Champions League;

Icardi (Inter): ottima prestazione della punta argentina, che chiude la stagione a braccetto con Luca Toni al 1° posto nella classifica dei capocannonieri, a quota 22. Prima di segnare la sua ennesima doppietta in maglia neroazzurra, regala un bell’assist a Palacio in occasione del primo gol neroazzurro, dimostrando grande altruismo, caratteristica che a volte gli è mancata durante la stagione;

Pavoletti (Genoa): 5 reti nelle ultime 6 gare per questo attaccante davvero interessante, arrivato al Genoa a gennaio, in prestito dal Sassuolo. Abile a fare da sponda ai compagni, si dimostra anche opportunista in occasione del rimpallo che gli permette di segnare l’unico gol dei suoi nella sconfitta contro il Sassuolo.

FLOP

Errore fatale dal dischetto per Gonzalo Higuain

Errore fatale dal dischetto per Gonzalo Higuain

Higuain (Napoli): nella partita più importante della stagione non si possono commettere certi errori. Il Pipita prima prende la squadra per mano e ad inizio ripresa segna subito le due reti che rimettono in pista i suoi, poi, al momento decisivo, tira malissimo il rigore del possibile vantaggio. Dopo il suo errore, il collasso della squadra: Ghoulam si fa espellere per un intervento a centrocampo, la difesa sbanda, e la Lazio, prima con Onazi e poi con Klose si conquista meritatamente i preliminari di Champions League. Una notte davvero amara per Gonzalo;

Pepe (Juventus): intervento durissimo su Valoti in pieno recupero e rosso diretto più che giusto. Gesto bruttissimo e totalmente inutile che poteva costare un brutto infortunio all’avversario. Da uno che non ha visto il campo per quasi 3 stagioni proprio per infortunio ci si aspetta una sportività ben diversa;

Bressan (Cesena): Di Carlo concede una maglia da titolare al terzo portiere cesenate: 5 reti al passivo e tanta insicurezza, specialmente in occasione della rete di Benassi, che calcia da oltre 30 metri. Sempre indeciso sulle palle alte, c’è davvero un motivo se è la terza scelta della squadra romagnola.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *