Ecco la rivoluzione: Baldi Rossi torna in Virtus e Rosselli va alla Fortitudo


Oggi arriveranno le ufficialità di due operazioni già definite: Baldi Rossi lascia Trento per tornare alla Virtus che libera Rosselli per la Fortitudo

– di Marco Vigarani –

Nelle prossime ore assisteremo ad una piccola rivoluzione sotto i canestri bolognesi che ridisegnerà l’assetto e forse anche le strategie tanto della Virtus quanto della Fortitudo. Sembra tutto fatto per l’arrivo in bianconero di Filippo Baldi Rossi da Trento mediante pagamento di un buyout e conseguentemente depositando il decimo contratto il club di via dell’Arcoveggio libererebbe Guido Rosselli che ha già in tasca da un paio di giorni l’accordo con la Fortitudo per compiere l’ultimo di una corposa lista di salti di barricata.

Filippo Baldi Rossi torna in Virtus dopo dieci anni (ph. La Voce del Trentino)

La Virtus era a caccia di un talento nel ruolo di 4, ha setacciato negli ultimi mesi tanto i mercati americani quanto quelli europei, fatto sondaggi più o meno convinti ed alla fine ha scelto di tornare sui propri passi. Filippo Baldi Rossi (classe 1991) infatti è innanzitutto un ragazzo nato a Vignola e cresciuto cestisticamente nelle giovanili bianconere con una permanenza all’ombra della Vu Nera che va dal 2005 al 2010, ma si tratta anche di un profilo piuttosto differente da quello cercato fino ad ora. Non si tratta infatti di un 4 puro ma piuttosto di un 4/5 di 207 cm per 97 kg che negli ultimi anni a Trento ha migliorato anche il suo gioco lontano da canestro chiudendo la stagione scorsa con 10.4 punti medi ed un apprezzabilissimo 38% dalla lunga distanza unito a 5.2 rimbalzi di media. Si tratta di un’operazione voluta direttamente dalla proprietà per aiutare coach Ramagli a trovare la strada per uscire dal momento difficile, di un giocatore che teoricamente dovrebbe alternarsi con Lawson nelle rotazioni ma soprattutto di una scelta di roster che lascia campo libero all’acquisto di un americano di valore in vista dell’auspicabile accesso alla zona playoff.

Da capitano della Virtus a protagonista in Fortitudo: la scelta di Guido Rosselli (ph. Virtus)

La Fortitudo a sua volta ha deciso invece di rompere gli indugi e contrattualizzare uno dei fattori decisivi nella promozione della Virtus: nel campionato di A2 l’addizione di Guido Rosselli può decisamene spostare gli equilibri. Finito ai margini delle rotazioni in bianconero e poi fuori rosa, il 34enne toscano ha chiuso la regular season dell’annata 2016/17 con 11.2 punti e 4.6 rimbalzi di media, numeri peggiorati leggermente nei playoff. Capace di giocare su entrambi i lati del campo contro avversari di stazza superiore o inferiore grazie alla grande duttilità, al profondo spirito di sacrificio e anche ad una mano educata: ecco come Rosselli si è guadagnato in pochi mesi anche l’amore del pubblico virtussino. Lo stesso che in queste ore è generalmente deluso dalla scelta dell’ex capitano pronto a mettersi al servizio dell’altra parte della città per riportarla in Serie A tentando di firmare una doppietta clamorosa. Coach Boniciolli attendeva a sua volta da tempo un innesto di valore ed esperienza in quella zona del campo ma ora dovrà anche fare qualche scelta visto che avere dodici giocatori sotto contratto con dieci spazi disponibili sembra davvero un inutile spreco. Rischia il posto in primis Italiano ma attenzione anche alla posizione del fumantino Amici o ancora di Chillo ovvero il meno impiegato del terzetto.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *