La Roma schianta il Chelsea ed è prima, Juventus fermata a Lisbona


I giallorossi dominano contro il Chelsea, imponendosi per 3-0 e conquistando la vetta del girone C. La Juventus fa 1-1 a Lisbona: a Cesar risponde nel secondo tempo Higuain. Bianconeri secondi a + 3 sui portoghesi

– di Calogero Destro –

Doppietta di El Shaarawy: la Roma batte il Chelsea (ph. Zimbio)

E’ una Roma che fa sognare quella vista all’Olimpico contro il Chelsea. Una serata così, i tifosi giallorossi, non la vivevano da tempo. 3-0 ai campioni d’Inghilterra e favoriti per la vittoria del girone, vetta del Gruppo C a quota 8 punti e qualificazione ormai ad un passo. Anche perché l’Atletico, al Wanda Metropolitano, bissa il pari (1-1) dell’andata  contro il modesto Qarabag, rimanendo fermo a 3 punti.

Ci ha pensato Stephan El Shaarawy, dopo nemmeno un minuto, a dare il via alla notte perfetta. L’esterno italo-egiziano, dopo il gol contro il Bologna, inventa un altro gioiello. Sponda di testa di Dzeko sulla quale si avventa il “Faraone”, che dai 16 metri sfodera un meraviglioso collo-esterno a incrociare che s’infila sotto il sette. La Roma domina, e al 36′, sullo svarione dell’ex Rudiger, si avventa ancora El Shaarawy, che di punta anticipa l’uscita di Courtois e fa esplodere l’Olimpico. Nella ripresa, Conte prova a scuotere i londinesi inserendo Willian per Cahill, passando così dal 3-5-2 a un più offensivo 4-2-4. Ma al 63′ è di nuovo la Roma a pungere, con il destro dai 25 metri di Perotti, che buca sul primo palo un rivedibile Courtois. Partita in ghiaccio, con Di Francesco che può dunque esultare. Il girone di ferro, per i capitolini, può adesso trasformarsi nel trampolino di lancio per una Champions dal sapore tutto diverso. Per la matematica qualificazione agli ottavi, nella prossima giornata, ai giallorossi “basterà” vincere in casa contro il Qarabag. Se poi l’Atletico non dovesse espugnare Stamford Bridge, De Rossi e compagni potrebbero comunque festeggiare in anticipo il passaggio del turno.

Una rete di Higuain permette alla Juventus di pareggiare a Lisbona (ph. Zimbio)

Juventus bloccata a Lisbona- Non riesce a chiudere il discorso qualificazione la Juventus, che a Lisbona fa solo 1-1. Nel primo tempo i bianconeri sono spenti e subiscono a centrocampo la maggior densità dello Sporting. Al 20′ i portoghesi passano in vantaggio: tiro di Martins, respinta di Buffon e Cesar, tutto solo all’altezza del dischetto, sigla il tap-in vincente. La reazione della Juve, però, arriva solo a sprazzi, con qualche giocata in velocità ad allargare la difesa di Jorge Jesus, ma nessun pericolo reale verso la porta difesa da Rui Patricio. Nella ripresa la squadra di Allegri torna in campo con spirito e qualità differenti. Lo Sporting viene chiuso nella propria metà campo, anche se rischia di colpire in un paio di circostanze, con le ripartenze di uno scatenato Martins, mentre per i bianconeri la palla sembra proprio non voler entrare. Almeno fino all’invezione di Cuadrado – Mvp della gara – bravo a imbucare in area per Higuain, che con un perfetto tocco sotto scavalca Patricio al 79′ e sigla il definitivo 1-1. Occasione persa per la Juventus pur salendo a quota 7 punti, lasciando i portoghesi a 4, non accorcia sul Barcellona, fermato sullo 0-0 in Grecia e a quota 10 punti in classifica.

Gli altri risultati- Equilibri del Gruppo B che rimangono invariati, col Psg sempre 3 punti davanti al Bayern. I parigini spazzano via l’Anderlecht 5-0 (Verratti, Neymar, triplo Kurzawa), mentre i bavaresi vincono in trasferta al Celtic Park per 1-2 (decide nel finale J.Martinez). Nel Gruppo A ipoteca il primo posto lo Utd, che a Old Trafford regola per 2-0 il Benfica grazie all’autorete di Svilar e al penalty di Blind. Tutto aperto per il secondo posto, con il CSKA Mosca, vittorioso per 2-1 a Basilea, che appaia in classifica gli svizzeri a quota 6. Fuori dai giochi il Benfica, ancora fermo a zero.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *