La Russia elimina la “Roja”, Croazia avanti ai rigori sulla Danimarca


La Spagna domina la partita ma non non riesce a piegare la Russia, che s’impone ai rigori e manda a casa la “Roja”. Croazia ai quarti dal dischetto: spezzata la maledizione e Danimarca fuori

– di Calogero Destro –

Dzyuba, leader offensivo della Russia con 3 gol in 4 partite (ph.zimbio)

Il miglior piazzamento dell’Unione Sovietica è stato il quarto posto al Mondiale 1966. Di tempo e di fatti, sotto i ponti, ne sono passati. L’Urss si è disgregata, è vero,  ma adesso c’è la Russia del mago Cherchesov, che dopo aver eliminato la Spagna, punta in alto, forte di una parte di tabellone più che abbordabile e del pubblico di casa, che anche contro la Roja ha sostenuto la squadra infaticabilmente per tutta la gara. Fa male, malissimo, uscire così, alla Nazionale di Hierro. 80% di possesso palla sfiorato nei 120′, ma solo 3 conclusioni degne di nota, due delle quali arrivate a ridosso del 90′ e sulle quali Akinfeev si è fatto trovare pronto. Un dominio territoriale nettissimo, che non è stato però concretizzato a livello di occasioni create. Il tiki-taka un po’ spuntato degli iberici porta dunque ad un altro risultato deludente: dopo l’uscita ai gironi nel Mondiale del 2014 e il k.o. contro l’Italia negli ottavi degli scorsi europei, le “furie rosse” salutano prematuramente anche la Russia. In casa spagnola è già tempo di riflessioni profonde. Sulle sponde del Volga, invece, si sogna lo sgambetto pure alla Croazia. L’ex portiere sovietico Cherchesov, che oggi sarà più fiero che mai dell’allievo Akinfeev (due rigori parati e almeno due interventi decisivi durante la gara), è il nuovo eroe della patria, col suo calcio alla vecchia maniera, ma sempre efficace. Difesa arcigna e giocatori di gamba per accompagnare il contropiede, con palla lunga al gigante Dzyuba (autore dell’1-1 su rigore nei regolamentari) nei momenti di difficoltà e la voglia di stupire riportare il popolo russo agli antichi fasti calcistici dell’Urss.

Tabellino:

Spagna (4-1-4-1): De Gea; Nacho (24′ st Carvajal), Piqué, Sergio Ramos, Alba; Busquets; David Silva (21′ st Iniesta), Isco, Koke, Asensio (13′ pts Rodrigo); Diego Costa (34′ st Iago Aspas). All.: Hierro

Russia (3-5-1-1): Akinfeev; Mário Fernandes, Kutepov, Ignashevich, Kurdiashov; Mário Fernandes, Samedov (15′ st Cheryshev), Zobnin, Kuzyaef (6′ pts Erokhin), Zhirkov (1′ st Granat); Golovin; Dzyuba (19′ st Smolov). All.: Cherchesov

Arbitro: Kuipers

Marcatori: 11′ aut. Ignashevich (R), 40′ rig. Dzyuba (R)

Ammoniti: Piqué (S), Kutepov, Zobnin

Croazia ai quarti, saluta la Danimarca- Saluta a testa altissima, la Danimarca di Hareide. L’1-1 dei 120′ non basta infatti a Eriksen e soci per firmare l’impresa. Il vantaggio di Jorgensen, al 1′, aveva illuso i danesi. Il pari di Mandzukic, al 4′, riportava infatti in equilibrio la sfida, destinata a risolversi solo dagli 11 metri. Modric, al 116′, avrebbe potuto evitare l’agonia dei rigori al popolo croato, ma dal dischetto ha fallito malamente il possibile gol vittoria. Protagonisti assoluti sono allora diventati i due portieri, con Schmeichel a parare due rigori su cinque, ma Subasic a fare ancora meglio con 3. Rakitic, freddissimo, realizzava dunque il penalty decisivo per mandare la Nazionale di Dalic fra le migliori 8.

Tabellino:

Croazia-Danimarca 4-3 dcr

Marcatori: pt 1′ Zanka, 4′ Mandzukic.

Croazia (4-2-3-1): Subasic; Vrsaljko, Lovren, Vida, Strinic (35′ st Pivaric); Brozovic (26′ st Kovacic), Rakitic; Rebic, Modric, Perisic  (6′ pts Kramaric); Mandzukic (3′ sts Badelj). Commissario tecnico: Dalic.
Danimarca (4-1-4-1): Schmeichel; Dalsgaard, Kjaer, Zanka, Knudsen; Christensen (1′ st Schone); Y. Poulsen, Delaney (8′ pts Krohn-Dehli), Eriksen, Braithwaite(1′ sts Pione Sisto); Cornelius (22′ st Jorgensen ). Commissario tecnico: Hareide
Arbitro: Pitana (Arg)

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *