La serie A si fa bella: tutti i gol ‘italiani’ nel mondo


Honda e Bacca del Milan, Dzeko e Pjanic della Roma, e tanti altri ancora: ecco tutti i gol ‘italiani’ messi a segno in giro per il mondo nelle partite delle nazionali. Ex compresi

– di Luigi Polce –

Vidal e Pinilla, una doppietta a testa nella vittoria del Cile sul Venezuela (ph. marca)

Vidal e Pinilla, una doppietta a testa nella vittoria del Cile sul Venezuela (ph. marca)

Il ko dell’Italia a Monaco per 4-1 è duro da digerire, per dimensioni e strascichi che lascerà da qui ai prossimi mesi. Meglio non pensarci, sigillare la pratica in una busta e gettare il tutto in archivio. Ci si può consolare allora con le tante reti messe a segno dai calciatori “italiani” impegnati in giro per il mondo con le proprie selezioni, gol che ridanno un po’ di valore ad una serie A troppo spesso bistrattata. Si parte da Rej Manaj, attaccante dell’Inter classe ’97 in gol con l’Albania Under 21, a conferma del suo processo di graduale crescita dopo gli scampoli di partita che Mancini gli ha concesso in campionato. Restiamo a Milano, cambiando sponda: esulta il Milan con il gol di Honda, che con il suo Giappone prosegue l’ottimo momento di forma. Reti anche per il napoletano Ghoulam nel 3-3 dell’Algeria contro l’Etiopia e per il centrocampista del Frosinone Tonev, entrato all’84’ della sfida tra Bulgaria e Macedonia e in gol dopo appena 3 minuti dal suo ingresso in campo. Una Bosnia a forti tinte giallorosse batte la Svizzera di capitan Lichtsteiner in trasferta: le marcature, appunto, sono dei due calciatori della Roma Dzeko e Pjanic. Nella notte invece, arrivano le doppiette del milanista Bacca (Colombia) e dell’atalantino Pinilla (Cile).

Nel 4-1 finale della nazionale cilena in Venezuela, le altre due reti sono state siglate dall’ex juventino Arturo Vidal, non l’unica vecchia conoscenza del nostro calcio ad andare in rete. Si segnalano, infatti, anche le firme di Cavani con l’Uruguay e di Ricardo Oliveira con il Brasile, quest’ultimo acquistato dal Milan nel 2006 per sostituire Shevchenko senza però grandi risultati. Gol anche per l’ex Lazio Kolarov in Estonia-Serbia, per l’ex Udinese Vydra con la maglia della Repubblica Ceca e infine per il talentino del Bayern Monaco Coman nel trionfo della Francia sulla Serbia: dopo la partita di Champions League, i rimpianti della Juventus sono destinati ad aumentare ancora.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *