La storia dice Milan ma dal Duemila il Bologna è in rimonta


La sfida tra Milan e Bologna sta vivendo un nuovo capitolo nel Nuovo Millennio. Oggi attesi tanto Destro e Verdi quanto Donadoni. Precedenti positivi con Guida

– di Marco Vigarani –

Giaccherini decide il match del gennaio 2016 a 10′ dalla fine (ph. Ansa)

Fare visita al Milan significa confrontarsi con una delle realtà più vincenti della storia recente del calcio italiano, capace di imporsi tanto dentro quanto fuori i confini nazionali. Non è quindi un caso che il bilancio delle sfide sorrida nettamente ai rossoneri che possono vantare ben 39 vittorie su 69 sfide contro il Bologna a fronte di 17 pareggi ed appena 13 colpi esterni a firma dei felsinei. Anche la differenza reti appare a dir poco impietosa con 124 gol realizzati dai meneghini e 58 dagli emiliani. Eppure troviamo comunque qualche dato più incoraggiante guardando soltanto la storia recente visto che dall’inizio del Duemila il Diavolo ha ottenuto 7 vittorie ma anche rimediato 3 pareggi e 3 sconfitte peggiorando sensibilmente il proprio record. Amate scommettere sul numero esatto di gol o sul risultato preciso? Lasciate perdere perchè storicamente Milan-Bologna può portare davvero a qualsiasi combinazione possibile dallo 0-0 alla goleada. Ecco gli ultimi sei tabellini:

2016/17 – 21 maggio 2017, 3-0 (Deulofeu, Honda, Lapadula)
2015/16 – 6 gennaio 2016, 0-1 (Giaccherini)
2013/14 – 14 febbraio 2014, 1-0 (Balotelli)
2012/13 – 20 gennaio 2011, 2-1 (Pazzini, Pazzini, autogol Mexes)
2011/12 – 22 aprile 2012, 1-1 (Ramirez, Ibrahimovic)
2010/11 – 1 maggio 2011, 1-0 (Flamini)

Un giovanissimo Simone Verdi in maglia rossonera (ph. AC Milan)

Toccando il tema degli ex, oggi appartengono tutti alla sponda bolognese e soltanto due su quattro potranno scendere in campo: si tratta di Mattia Destro (15 partite e 3 gol nel 2005) e Simone Verdi (otto anni di giovanili e la miseria di 2 presenze nel 2009/10). Una squalifica impedirà al fresco ex Andrea Poli (109 gare e 3 reti tra il 2013 ed il 2017) di prendere parte alla sfida. Il ritiro invece costingerà invece Roberto Donadoni (12 stagioni per un totale di 390 partite impreziosite da 23 reti) a stare in panchina a dirigere le operazioni. Il tecnico bergamasco che proprio al Milan è diventato un campione ha anche pessimi precedenti da sfidante visto che ha ottenuto appena 4 vittorie e 2 pareggi contro ben 10 sconfitte. Dalla parte opposta ovviamente non ci sono precedenti per Gennaro Gattuso, tecnico esordiente in Serie A.

Chiudiamo la scheda con qualche annotazione sul 36enne Marco Guida di Torre Annunziata, designato per dirigere oggi la sua 113esima gara in Serie A. Bilancio piuttosto equilibrato per il Milan (6 vittorie, 5 pareggi e 4 sconfitte) e straordinariamente positivo per il Bologna (6 vittorie, 6 pareggi e 1 sconfitta).

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *