La Virtus accoglie Fells: “Abbiamo tanta strada da fare”


È stato presentato ieri sera Courtney Fells, il nuovo americano della Virtus che dovrebbe completare l’organico in attesa del ritorno di Ray per poi prendere il posto di Williams

– di Marco Vigarani –

Courtney Fells posa con il suo nuovo coach Giorgio Valli (ph. Virtus)

Courtney Fells posa con il suo nuovo coach Giorgio Valli (ph. Virtus)

Alla Virtus servivano punti in classifica e nelle mani ed in poche ore entrambe le richieste sono state esaudite. Alla prima ci ha pensato la squadra, ancora orfana di Ray, battendo i campioni in carica di Sassari, mettendo a referto la seconda vittoria stagionale ed interrompendo così un digiuno di cinque ko consecutivi. Alla seconda ci hanno pensato gli sforzi della Fondazione e l’abilità di Alessandro Crovetti che ha chiuso in tempi record la trattativa con la guardia statunitense Courtney Fells, reduce dall’esperienza argentina nel San Lorenzo e subito pronto per completare il roster bianconero. Dopo qualche ora di riposo si metterà a disposizione di coach Valli inizialmente come sostituto di capitan Ray e poi prendendo il posto nelle rotazioni del deludente Williams, ritrovando nella palestra Porelli due vecchi compagni di squadra come Gaddy e Pittman. La presentazione di Fells è avvenuta ieri pomeriggio alla presenza dello stato maggiore virtussino e la benedizione all’acquisto è arrivata direttamente dal tecnico Valli che ha spiegato: “Ammetto che è un giocatore che mi piace e di essere stato accontentato. Lo seguivo da un paio d’anni dopo averlo visto all’opera di persona a Las Vegas e credo che possa darci qualcosa in più in fatto di punti ma soprattutto di gioco ricoprendo due o tre ruoli. Ora tocca a me farlo inserire velocemente in questo gruppo“.

Fells ritrova in bianconero l'ex compagno Pittman (ph. Virtus)

Fells ritrova in bianconero l’ex compagno Pittman (ph. Virtus)

Poche parole poi per lo stesso Fells che ha scelto la canotta con il numero 20 e ha dichiarato: “Sono felice di essere qui e non vedo l’ora di incontrare i compagni per lavorare insieme e mettermi alla prova nel campionato italiano di cui ho sempre sentito parlare bene. Non c’è davvero alcun problema nel vedere la squadra in fondo alla classifica perchè nel gruppo c’è voglia e determinazione ma soprattutto la stagione è solo all’inizio e c’è tanta strada da fare. Sono un giocatore che cerca di rendersi semplicemente utile per ottenere tutti insieme la vittoria“. Nato a Shannon nel 1986, questa shooting guard di 198 cm è uscita da North Carolina State con 9.5 punti di media e nel 2009, non scelto al draft, ha iniziato a girare per il mondo. La prima esperienza da professionista per Fells è stata a Cipro con AEL Limassol e Keravnos per poi passare in Israele vestendo le maglie di Hapoel Galiboa e Hapoel Gerusalemme con parentesi finali in Repubblica Dominicana nei Metros de Santiago. Un anno nelle Filippine ha riportato il ragazzo verso casa per un paio di contratti breve con i San Antonio Spurs e quindi scendere in D-League negli Austin Toros per 18 punti di media a partita nel 2013/14. I viaggi però non erano finiti visto che Fells è poi passato dal Venezuela per tornare in Europa e firmare lo scorso anno per i turchi del’Usak Sportif dove ha chiuso la stagione a 11.8 punti e 4.2 rimbalzi di media. L’ultima fermata come detto è stata in Argentina con il San Lorenzo per una media di 11.3 punti.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *