La Virtus è strepitosa e Reggio Emilia va ko


Grande impresa della Virtus che sconfigge la capolista Reggio Emilia 78-66 conquistando due punti inattesi e pesantissimi grazie alle prove maiuscole di White e Ray e di una difesa solida

– di Marco Vigarani –

La gioia Virtus per l'impresa contro Reggio Emilia (ph. Virtus)

La gioia Virtus per l’impresa contro Reggio Emilia (ph. Virtus)

A volte anche le favole diventano realtà e Davide riesce ancora a sconfiggere Golia: così la Virtus ieri è uscita dal parquet dell’Unipol Arena vittoriosa su Reggio Emilia, candidata a lottare per lo scudetto. I due eroi di giornata sono sicuramente i bianconeri Ray e White che sono anche quelli che in avvio di primo quarto rispondono al fuoco di Taylor consentendo alla Virtus di tenere il passo degli uomini di Menetti mantenendo la gara sostanzialmente in equilibrio. Diener prova a lanciare la volata per Reggio Emilia nella frazione successiva ma ci pensano prima un ispiratissimo White poi la granitica difesa bianconera a mantenere vivo l’incontro e apertissimo il risultato. Per la gioia del pubblico virtussino, in avvio di terzo quarto avviene addirittura l’insperato sorpasso grazie ad una bomba di Ray e la fiammata trova continuità per merito della precisione dei tiratori bianconeri con il solito White immarcabile dalla lunga distanza a cui si aggiungono anche Fontecchio e Hazell. L’ultimo periodo vede, come prevedibile, Reggio Emilia tentare una reazione orchestrata da Cinciarini che però non sortisce appieno l’effetto sperato visto che la Virtus attingendo a piene mani dall’intera panchina mantiene alta l’intensita in difesa e trova ancora buone soluzioni con continuità in attacco mantenendo inalterato il vantaggio fino alla conclusione di un derby vivace e pienamente meritato dagli uomini di Valli.

Proprio il coach bianconero al termine non contiene la sua gioia per il risultato e dice: “Siamo felici per i due punti in classifica ma anche per aver giocato una grande partita. Con questo spirito possiamo fare sempre bene ed in particolare sottolineo la prova difensiva dell’intera squadra che ci ha consentito di portare a casa la vittoria. Dedico il successo a tutto il club perchè qui tutti stanno lavorando in maniera favolosa e si meritano questa gioia“.

GRANAROLO BOLOGNA – GRISSIN BON REGGIO EMILIA 78-66
(18-21; 33-35; 60-48)
GRANAROLO BOLOGNA: White 23 (8-10, 1-1, 4-4), Cuccarolo 0, Gaddy 0 (0-5, 0-1, -), Portannese 0, Imbró 3 (1-3 da 3), Fontecchio 6 (1-6, 1-3, 1-2), Mazzola 5 (2-9, 0-2, 1-2), Benetti NE, Tassinari NE, Hazell 14 (3-5, 2-3, 2-2), Gilchrist 4 (2-4 da 2), Ray 23 (6-10, 3-4, 2-2) All. Valli.
GRISSIN BON REGGIO EMILIA: Mussini 3 (1-3 da 3), Polonara 10 (3-8, 1-3, 1-3), Della Valle 0 (0-2 da 3) Taylor 20 (5-6, 3-5, 1-2), Pechacek NE, Pini 0, Lavrinovic 4 (2-4 da 2), Cervi 5 (2-4, -, 1-2), Silins 2 (1-3, 0-5, -), Diener 11 (1-3, 3-4, -), Cinciarini 11 (5-7, 0-1, 1-2), All. Menetti
Arbitri: Sabetta, Di Francesco, Weidmann
Note: t2 BO 22-49 RE 19-35; t3 BO 8-17 RE 8-23; tl BO 10-12 RE 4-9; rimb BO 27-17 RE 20-6.

Classifica
Venezia 14; Sassari, Reggio Emilia, Milano 12; Cremona, Brindisi 10; Cantù, Avellino, Trento 8; Bologna, Pistoia, Roma 6; Capo d’Orlando, Varese, Pesaro 4; Caserta 0.
(Sassari e Capo d’Orlando con una partita in meno, Bologna penalizzata di -2)

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *