La Virtus espugna Casale soffrendo fino all’ultimo tiro: serie sul 2-1


Vittoria per 79-82 della Virtus sul campo di Casale che però ha venduto cara la pelle. Ora due match a disposizione dei bianconeri per passare il turno

– di Marco Vigarani –

Stefano Gentile a segno con 8 punti in Gara3 (ph. Virtus)

La Virtus conferma anche a Casale che questa prima serie di playoff sarà tutto tranne che semplice: i bianconeri vincono ma lo fanno soffrendo fino all’ultimo istante ed evidenziando ancora una volta troppi problemi a rimbalzo e nella gestione del vantaggio. Dopo essere stato ad un passo dall’esonero, coach Ramagli ha scelto di dare più fiducia a Gentile (ancora forse più ombre che luci per lui) e dimenticarsi di Bruttini, ha trovato un apporto importante ed abbastanza continuo dalla coppia Lawson-Umeh ma non ha comunque convinto i tanti scettici che lo avevano criticato dopo lo scempio di Gara2. Ora almeno la Virtus avrà comunque la certezza, nella peggiore delle ipotesi, di giocarsi il passaggio del turno davanti al proprio pubblico.

Parte forte la Virtus con Lawson e tenta un immediato allungo ma Casale si aggrappa all’ormai consueta difesa e ai rimbalzi per rientrare in parità sul 10-10 e poi sorpassare trovando ancora punti importanti dall’ex Blizzard. Troppe seconde palle concesse ai piemontesi ed allora i bianconeri devono combattere punto a punto arrivando alla fine del primo quarto di nuovo in parità sul 17-17. La bomba in avvio di seconda frazione di Spizzichini pare rianimare gli uomini di Ramagli che finalmente iniziano a difendere con buona intensità portando spesso gli uomini di Ramondino a sforare il limite dei 24″ e poi trovando anche canestri importanti da sotto di Michelori. Anche Umeh e Ndoja entrano in partita con i siluri del primo vantaggio in doppia cifra sul 21-33 ma soprattutto sale il ritmo della gara mettendo in affanno i piemontesi che si aggrappano alle soluzioni da lontano di Tomassini e Tolbert. Nella parte finale del secondo quarto arriva di nuovo un mini blackout per gli uomini di Ramagli che arrivano all’intervallo sul 44-48.

La Virtus vince Gara3 dopo una vera battaglia (ph. Junior Casale)

Se l’attacco di Casale stasera trova il tiro da lontano, la difesa non riesce a contenere Lawson che è protagonista in avvio di terzo quarto insieme a Spissu anche se la partita resta assolutamente viva con i padroni di casa che piazzano un parziale di 6-0 nella seconda metà del quarto per recuperare dopo una bella fiammata bolognese. Quando la gara diventa ancor più intensa stavolta Ramagli si affida a Gentile che però continua a mettere in mostra dubbie scelte di regia ed una mira sballata al tiro: si arriva così alla frazione decisiva sul 57-61. Proprio due bombe ad alto coefficiente di Gentile però aprono incredibilmente gli ultimi dieci minuti di gara ridando il +10 alla Virtus e scatenando la furia dei suoi ex tifosi con la rabbiosa esultanza del play. I ragazzi di Ramagli continuano a non riuscire a chiudere la gara e si fanno riavvicinare dalle continue soluzioni sotto canestro di Tolbert e dalla difesa a tutto campo degli avversari che blocca le Vu Nere riportando Casale a contatto sul 70-73 a 4′ dal termine. Finale ancora al cardiopalma con la Virtus che spreca i possessi giusti per allontanarsi in volata e trova solo nei recuperi di Umeh la linfa vitale per restare davanti tra mille brividi con le bombe di Natali e Tomassini a tenere vive le ultime speranze biancorosse. La partita a scacchi dalla lunetta però premia i bianconeri che vincono Gara3 per 79-82.

Nel postpartita ecco l’analisi di coach Ramagli: “È la prima partita in cui riusciamo a giocare più possessi degli avversari che sono una squadra solidissima, ci siamo sistemati anche a rimbalzo dopo le difficoltà in avvio. Si tratta di una bella vittoria in una cornice di pubblico a cui voglio fare i complimenti. Questi sono i playoff, le serie non sono mai facili a maggior ragione contro squadre come Casale che merita ancora i complimenti. Complimenti anche alla mia squadra che ha fatto una gara solida restando a lungo in vantaggio, torniamo qui domenica non sarà affatto facile chiudere subito la serie“.

NoviPiù Casale Monferrato – Virtus Segafredo Bologna 79-82
(17-17, 44-48; 57-61)
CASALE: Tolbert 18, Severini 5, Denegri 3, Tomassini 21, Blizzard 16, Bellan ne, Valentini ne, Di Bella, Martinoni 5, Natali 11, Nikolic ne, Ielmini ne. All: Ramondino.
VIRTUS: Spizzichini 8, Spissu 9, Ndoja 5, Gentile 8, Lawson 19, Penna ne, Umeh 20, Oxilia ne, Michelori 4, Rosselli 9, Bruttini ne. All: Ramagli.
NOTE: t2 CM 15/28 BO 16/24, t3 CM 14/33 BO 11/31, tl CM 7/9 BO 17/24, rimb CM 27-9 BO 24-7.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *