La Virtus espugna Roseto, ottavo successo consecutivo con vista derby


Nell’ultima gara del 2016 la Virtus vince 90-81 a Roseto e continua a comandare la classifica. Ancora un grande Rosselli insieme agli americani

– di Marco Vigarani –

Ancora decisivo l'apporto di Rosselli contro Roseto (ph. Virtus)

Ancora decisivo l’apporto di Rosselli contro Roseto (ph. Virtus)

Anche se gli occhi sono ormai già da diversi giorni puntati esclusivamente sul derby dell’Epifania, la Virtus non si è fatta distrarre dal singolo impegno continuando ad onorare al meglio la stagione. A Roseto infatti i ragazzi di coach Ramagli si sono presi l’ottava vittoria consecutiva che consolida il primato in classifica ma soprattutto le certezze di un gruppo che ha trovato uno splendido equilibrio. Non è bastata la lunga pausa a spegnere l’ardore dei bianconeri che così centrano anche matematicamente la qualificazione alla Coppa Italia. In avvio in realtà però le polveri delle Vu Nere sembravano decisamente bagnate mentre dall’altra parte Sharrod ha iniziato a martellare il canestro, rintuzzato dalle iniziative di Lawson e da una bomba vitale del mascherato Oxilia. Con Fattori e Radonijc a dare un contributo importante per i padroni di casa, ci ha pensato il solito Rosselli ma anche un ritrovato Ndoja a pareggiare i conti sul piano dell’intensità ma anche del punteggio. Scaldata la mano prima dell’intervallo lungo, Umeh ha iniziato a punire con continuità nel terzo quarto dando il via ad una sfida entusiasmante con Smith prima che i canestri di Lawson e Rosselli consentano alla Virtus di portarsi avanti prima dell’ultimo periodo. Ancora Rosselli in versione predatore, aiutato dal generoso Spizzichini, ha aperto un piccolo solco che poi grazie al grande lavoro difensivo del gruppo si è trasformato nella bella vittoria che lancia la Virtus verso il derby nel migliore dei modi.

Nel dopopartita ecco il pensiero di coach Ramagli: “Devo dire che è stata proprio una bella partita, che ha onorato il campionato e in tv è stata un bello spot. Abbiamo dovuto attingere a tutte le energie, la chiave è stata aver difeso nella seconda parte della partita, mentre nel primo tempo siamo stati deficitari in tutto. Portare via due punti in un ambiente come questo non è facile. Dopo venti giorni di stop finire con questa autorità significa essere una squadra che ha dei valori, indipendentemente dal fatto che si vinca o si perda”.

VISITROSETO.IT ROSETO- SEGAFREDO BOLOGNA 81-90
(23-18; 50-46; 68-70)
VISITROSETO.IT ROSETO: Smith 24, Cantarini ne, D’Emilio ne, Fultz, Radonijc 13, Fattori 8, Mariani ne, Mei, Casagrande 6, Amoroso 11, Paci, Sherrod 19. All: Di Paolantonio
SEGAFREDO BOLOGNA: Spissu 9, Umeh 18, Pajola 2, Spizzichini 9, Petrovic ne, Ndoja 5, Rosselli 17, Michelori 4, Oxilia 3, Penna, Lawson 25. All: Ramagli
Note: Roseto: 13/30 da 2, 14/24 da 3, 13/16 ai liberi, 25 rimbalzi (4 offensivi), 11 assist, 12 palle perse, 2 palle recuperate. Virtus Bologna: 18/37 da 2, 13/23 da 3, 15/16 ai liberi, 31 rimbalzi (8 offensivi), 12 assist, 6 palle perse, 10 palle recuperate.

Classifica
Segafredo Virtus Bologna**, De’ Longhi Treviso* 22; Alma Trieste*,Dinamica Generale Mantova, Assigeco Piacenza, OraSì Ravenna; Kontatto Fortitudo Bologna*, Visitroseto.it Roseto 16; Aurora Basket Jesi, G.S.A. Udine 14; Tezenis Verona*, Andrea Costa Imola 12; Proger Chieti*, Bondi Ferrara* 10; Unieuro Forlì 8; US Basket Recanati 4.
(*1 gara in meno **2 gare in meno)

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *