La Virtus riparte da Bucci e 2 milioni di euro


Inizia oggi il futuro della Virtus affidato alle scelte tecniche di Bucci con un budget annuale di 2 milioni di euro. Ramagli il preferito per la panchina

– di Marco Vigarani –

Basciano e Bucci in conferenza stampa

Basciano ieri sera ha confermato la fiducia in Bucci per la scelta dello staff tecnico

Archiviata la retrocessione, la Virtus è pronta a ripartire e per farlo sceglie la strada della continuità. Si tratta di una scelta quasi obbligata visto che non si è palesata alcuna vera possibilità di cambiamento e che gli abboccamenti di un mese fa non si sono trasformati in reali trattative per l’acquisto del club. La Fondazione allora resta in sella e va avanti cercando di garantire un futuro ai bianconeri pur modificando le proprie dinamiche interne visto che non tutti i partecipanti a questa avventura hanno deciso di impegnarsi nuovamente a livello economico. Il consiglio di indirizzo di ieri ha visto la presenza di tutti i soci fondatori e alla fine sono stati dati punti fermi importanti: la confermata iscrizione della Virtus alla prossima A2 e la definizione del budget. Per adesso infatti si può solo parlare della categoria che i bolognesi si sono meritati sul campo ma se Caserta non si iscriverà alla A1 ovviamente la possibilità del ripescaggio verrà presa in esame anche se in tal caso la Fondazione dovrà reperire altre risorse al suo interno per l’iscrizione e l’adeguamento del roster. Nei prossimi giorni il primo passo sarà la definizione dello staff tecnico e la scelta è stata affidata al presidente Bucci che godrà di pieni poteri a maggior ragione dopo le velate critiche a Valli per la scarsa comunicazione dei mesi scorsi. La prima scelta dovrebbe essere Alessandro Ramagli, livornese sotto contratto con Siena per altri due anni ed in grado di raggiungere già alla prima stagione in biancoverde i playoff. In seguito ovviamente si inizierà a pensare alla squadra basandosi sul budget stabilito dalla Fondazione: si parla di 1,5 milioni di euro più altri 500mila per il mantenimento del settore giovanile. Ovviamente i primi tentativi saranno quelli di trattenere giocatori come Mazzola, Fontecchio e Vitali che potrebbero dare un contributo importante in A2 ma farsi trovare pronti anche in caso di ripescaggio.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *